Home / News / Rebel in the Rye: perché il biopic su J.D. Salinger è stato rimontato?
Rebel in the Rye

Rebel in the Rye: perché il biopic su J.D. Salinger è stato rimontato?

Ebbene sì, un biopic sullo scrittore J.D. Salinger è arrivato: si tratta di Rebel in the Rye, del novello regista Danny Strong. Si tratta infatti del suo debutto in qualità di regista, benché sia noto per la sua poliedrica attività, da attore per la televisione in Gilmore Girls e Mad Men, a sceneggiatore di film come Game Change, un film della HBO che gli è valso due Emmy, o i due ultimi Hunger Games. Ma questa volta si è lanciato proprio nel ruolo di regista.

Un’anteprima poco apprezzata e poco apprezzabile

Rebel in the RyeTuttavia l’anteprima al Sundance di Rebel in the Rye non è stata molto apprezzata né dal pubblico né dalla critica, cosa che ha portato il neoregista a rilavorare sul film. Perciò quella che verrà proiettata nei cinema americani a partire da Settembre sarà una nuova versione di Rebel in the Rye, nei confronti della quale Strong è fiducioso che possa essere più chiaro e fedele alle intenzioni iniziali del racconto.

Da giovane fan a regista del biopic su Salinger

Strong ha raccontato di essere stato un grandissimo fan de Il giovane Holden (in inglese The Catcher in the Rye, da cui è tratto il titolo del film) e che Salinger ha avuto una grande influenza sulla sua persona e la sua visione del mondo.

Ciò che lo spinse a realizzare un biopic su Salinger è stata la pubblicazione della biografia di Kenneth Slawenski, J.D. Salinger: A Life, uscito nel 2011, un anno dopo la morte dello scrittore.

Sono rimasto così sbalordito dalla storia, così commosso dalla storia e dal suo percorso per diventare uno scrittore e per creare Holden Caulfield e per creare Il giovane Holden. Mi ha fatto capire non solo da dove veniva fuori il libro, ma anche quello che era capitato a lui […]. Ho realizzato che dovevo davvero dirigerlo. L’ho sentito, in un certo modo lo sapevo.

L’argomento di Rebel in the Rye

Rebel in the RyeIl biopic Rebel in the Rye è ambientato negli anni della giovinezza dello scrittore, interpretato dal giovane attore Nicholas Hoult, e segue le sue esperienze durante la Seconda Guerra Mondiale e la fama che seguì la pubblicazione de Il giovane Holden, che fu subito un gran successo. Si tratta di un film che offre uno sguardo agli eventi che lo hanno formato sia come persona sia come scrittore, in particolare alla sua incapacità di inserirsi nella rigida struttura dell’accademia.

Altro notevole nome presente nel cast di Rebel in the Rye è poi quello di Kevin Spacey, che interpreta un influente professore e scrittore, al cui fianco saranno presenti Sarah Paulson e Zoey Deutch.

Perché una nuova versione?

Già da prima del Sundance tuttavia Strong era nell’idea di rimettere mano al film.

Ho sempre pensato che avrei dovuto continuare a lavorare al film anche dopo il Sundance. Ho affrettato il film per farlo rientrare nel festival e per me c’era ancora molto lavoro da fare. Dopo averlo visto al Sundance un po’ di volte con un pubblico diverso, ho imparato molto sul film e ho imparato cosa funzionava e cosa no. Sapevo che avrei dovuto davvero operare dei cambiamenti.

Ed infine ha commentato con ottimismo: “penso di averlo migliorato in modo significativo. Ne sono davvero contento, non che prima al Sundance non lo fossi, ma non ne ero sicuro”

Intanto potete dare un’occhiata al trailer ufficiale:

Per ogni notizia e aggiornamento sul mondo dello spettacolo, cinema, tv e libri, vi consigliamo di seguire la nostra pagina Facebook

Fonte: Indiewire

About Bianca Friedman

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.