Home / News / Adam Stockhausen parla del suo lavoro di designer con Wes Anderson
Adam Stockhausen

Adam Stockhausen parla del suo lavoro di designer con Wes Anderson

Il designer Adam Stockhausen, noto per aver dato vita alla maggior parte dei mondi narrativi ideati da Wes Anderson come Moonrise Kingdom e Grand Budapest Hotel, per il quale si è aggiudicato persino un Oscar, ha raccontato che prima di tutto lavora attraverso un’intensa e dettagliata ricerca. Di Adam Stockhausenrecente, sempre con Wes Anderson, ha realizzato Isle of Dogs, ma Adam Stockhausen è noto anche per la collaborazione con Steven Spielberg in Il ponte delle spie e con Steve McQueen in 12 anni schiavo, film per il quale ha anche ricevuto la nomination all’Oscar. Si è assicurato una grande notorietà con il suo debutto sul grande schermo facendo per il production designer Mark Friedberg nel surreale film di Charlie Kaufman Synecdoche, New York.

Adam Stockhausen commenta il lavoro con Wes Anderson

Quanto allo stile di Wes Anderson Adam Stockhausen, ricordando la prima volta in cui si è approcciato al lavoro del regista, ha commentato: “Ovviamente conoscevo già il suo lavoro, che è davvero entusiasmante. Il suo stile estetico è tutto suo e non si può dire altro”. Inoltre ha aggiunto che Wes Anderson

E’ molto preciso e ogni cosa è disegnata in modo che si stia a guardare gli schizzi abbozzati delle story boards per mesi e mesi prima che inizino le riprese. In Grand Budapest Hotel c’è per esempio la stanza in cui nascondono il dipinto. C’è una piccola finestra che dà sui personaggi nella stanza. E ancora non avevamo capito esattamente dove sarebbe situata, quindi ci aggiravamo con questo piccolo pezzo di storyboard con la finestra disegnata per capire dove potesse stare. La telecamera compie uno zoom da lì ed è un movimento di camera davvero ingannevole. Ci sono migliaia di quei piccoli dettagli che si muovono simultaneamente come un puzzle che si risolve da solo.

Adam StockhausenL’idea per l’estetica di Isle of Dogs è venuta lavorando a stretto contatto con Wes Anderson fin dall’inizio del progetto e “facendo degli schizzi e disegnando lo stile, dopodiché un team guidato da Paul Harrod si è occupato dell’animazione e delle riprese”. Adam Stockhausen si detto molto entusiasta per il lavoro fatto con Wes Anderson per Isle of Dogs, che in un’estetica stop-motion vecchio stile racconta “una storia incredibile […] Gli attori sono fantastici e il ha dato origine ad un suo proprio metodo. È diverso, chiaramente diverso da quello che si vede ogni giorno”.

Guarda anche il trailer di Isle of Dogs

Per ogni notizia e aggiornamento sul mondo dello spettacolo, cinema, tv e libri, vi consigliamo di seguire la nostra pagina Facebook

Fonti: Variety

About Bianca Friedman

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.