Home / Recensioni / Ella & John – The Leisure Seeker: la recensione del nuovo film di Paolo Virzì
Ella & John

Ella & John – The Leisure Seeker: la recensione del nuovo film di Paolo Virzì

Ella & John – The Leisure Seeker è il nuovo film del regista livornese Paolo Virzì con Helen Mirren e Donald Sutherland, presentato quest’anno alla 74a Mostra del cinema di Venezia, dove già aveva rapito il cuore di alcuni spettatori…

Ella & John – The Leisure Seeker: la sinossi

Ella e John sono una coppia di una discreta età, con figli e nipoti e una bella vita alle spalle piena di bei ricordi, amore e rispetto.Ella & John Nonostante non abbiano più tanto le physique du rôle, i due protagonisti decidono di intraprendere una piccola follia: un nuovo viaggio on the road con il loro vecchio camper sulla Old Route 1 alla (ri)scoperta della gioia dell’avventura. Nonostante John soffra di Alzheimer e Ella abbia un tumore, i due protagonisti non si fanno intimorire e partono alla volta della loro amata America, un’esperienza piena di piccole e grandi insidie che farà loro riscoprire quelle bellezze dimenticate e quelle emozioni soffocate da una vita di doveri e apprensioni.

Ella & John – The Leisure Seeker: le nostre impressioni

Perché una coppia di anziani malati dovrebbe partire all’avventura? … Perché non dovrebbe farlo? Paolo Virzì gioca con il talento degli strepitosi attori protagonisti per raccontare una storia d’amore tra due persone di una certa età, non propriamente convenzionale al genere on the road, muovendosi con agilità e grazia tra lo humour e il dramma. Il risultato è un film che racconta con grande tenerezza la storia di due persone che hanno passato la vita insieme, che si amano da sempre e che si spingono coraggiosamente alla ricerca di un’altra avventura, di nuovo insieme.

Ella & JohnElla e John sono due bellissimi personaggi che si completano a vicenda e che non possono esistere l’uno senza l’altra: se è la mente di John a giocare brutti scherzi, interviene quella della brillante e paziente di Ella a riportare ordine in mezzo alla confusione; se è il corpo di Ella a cedere, c’è quello di John pronto a sostenerlo. Sono due personaggi fragili, ma che trovano la forza nel loro legame affettivo per godersi ancora per un po’ quello che la vita e la loro relazione hanno da offrire. D’altra parte, nelle loro condizioni, non hanno nulla da perdere, ma ancora tanto da (ri)scoprire, da un’America che si avvicina alle elezioni del nuovo presidente alla persona amata che hanno al loro fianco. Per loro (e a maggior ragione per lo smemorato John) il loro amore si rinnova ogni giorno, tra lo stupore e la tenerezza, tra le difficoltà e le risate. Non c’è posto migliore del loro vecchio “Leisure Seeker” per ritrovare tutto questo, lontano dalle incombenze, dai compiti della quotidianità, della famiglia e della sfortunata contingenza. Questa coppia disfunzionale nella mente e nel corpo si ritrova nuovamente a muoversi in un mondo pieno di insidie, in cui l’errore, l’incomprensione e i pericoli sono dietro l’angolo, ma anche il dialogo e la reciproca comprensione, come in ogni viaggio che sia degno di essere ricordato.

Ella & JohnIl film scorre piacevolmente, sovrapponendo con armonia situazioni decisamente spassose ad altre molto più drammatiche, riuscendo a commuovere facilmente gli spettatori più sensibili. Una regia aggraziata e posata fa emergere questo equilibrato insieme di opposti e lascia spazio al paesaggio e ai personaggi di splendere in tutta la loro bellezza e tenerezza. Un contributo degno di nota arriva anche dall’onnipresenza della letteratura di Hemingway, autore prediletto e citato più volte da John, che aggiunge un’ulteriore nota di (seppur pacata) ribellione contro un mondo che tarpa le ali e appiattisce i sentimenti. E per i cuori più teneri, la voce di Jenis Joplin che intona Me and Bobby McGee suonerà come un permesso a lasciarsi andare alla più tenera commozione.

Ella & John - The Leisure Seeker

valutazione globale - 8

8

Commovente, da non perdere

User Rating: 5 ( 1 votes)

Ella & John – The Leisure Seeker: un giudizio in sintesi

Il respiro internazionale ha giovato a Paolo Virzì, che con grande abilità racconta un paese Ella & Johncontroverso e che non gli appartiene, attraverso un genere tutto americano ma che vibra di una sensibilità del tutto nuova, ma soprattutto attraverso due personaggi bellissimi e complementari, che vivono coraggiosamente l’ultima fase del loro amore come un rinnovamento. La regia attenta e raffinata si coniuga dolcemente con due talenti magistrali che con un’espressività mai sopra le righe danno modo ai due personaggi di sbocciare in tutta la loro tridimensionalità. Un film toccante, tenero, da non perdere.

Per ogni notizia e aggiornamento sul mondo dello spettacolo, cinema, tv e libri, vi consigliamo di seguire la nostra pagina Facebook

About Bianca Friedman

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.