Home / News / News Cinema / Cine Special / 10 film dall’imperdibile colonna sonora originale (Seconda parte)
colonna sonora

10 film dall’imperdibile colonna sonora originale (Seconda parte)

L’8 giugno è uscito nelle sale americane Hearts Beat Loud, un accattivante film indie nuovo di zecca con protagonisti un padre (Nick Offerman) e una figlia (Kiersey Clemons), che decidono un giorno di formare una band per l’estate, prima che la giovane parta per il college. Interpretate dai due attori, le canzoni che compongono la colonna sonora di Keegan DeWitt sono davvero coinvolgenti e toccanti: Hearts Beat Loud diventa così un bel promemoria in grado di ricordarci che pure i film possono farci conoscere della musica nuova e interessante. Da The Greatest Showman a Chiamami col tuo nome, sono infatti molte le pellicole con una colonna sonora originale che rimarrà impressa nella nostra mente. Vediamone insieme alcune!

  1. Mystery of Love da Chiamami col tuo nome

Colonna sonoraLa storia è andata così: Luca Guadagnino aveva chiesto inizialmente a Sufjan Stevens di narrare in modo emozionante questa bella storia di formazione, pensando che il fragile bisbigliare del cantante folk potesse dare al suo Chiamami col tuo nome il giusto tocco. Purtroppo, Stevens declinò il suo invito proponendo però in alternativa di comporre un paio di canzoni originali per il suo film, tra cui “Mystery of Love”: una ballata emozionante e delicata, che avrebbe avuto il compito di cullare dolcemente il prezioso segreto dei due protagonisti. È una canzone d’amore, ma allo stesso tempo una canzone che parla della perdita dell’amore, e lo fa con un pizzico di nostalgia evocatrice, capace di trasformare il dolore in bellezza.

  1. Glory da Selma – La strada per la libertà

Colonna sonoraSelma – La strada per la libertà, il commovente dramma storico di Ava DuVernay che rievoca le marce da Selma a Montgomery che dal 1965 segnarono l’inizio della rivolta per i diritti civili negli Stati Uniti, si è dotato a buon diritto di una canzone potentissima, “Glory”. Interpretata dal fantastico duetto commissionato dalla DuVernay, Common e John Legend, la canzone è tanto toccante quanto lo è la sua pellicola. La voce espressiva di Legend non è mai stata così urgente, così come i versi di Common non sono mai stati più incisivi.

  1. Falling Slowly da Once

Colonna sonoraÈ una gran bella cosa che “Falling Slowly” abbia sfondato, perché senza questa magnifica canzone Once non avrebbe probabilmente riscosso lo stesso successo. Lungi dall’affermare che il musical di John Carney sia privo di altri elementi interessanti, bisogna però essere consapevoli di quanto questo brano si sia rivelato cruciale nell’economia globale del film: non a caso ha vinto l’Oscar per la migliore canzone. E in effetti, è proprio sulle note di “Falling Slowly” che Glen Hansard e Marketa Irglova danno vita a una delle scene più importanti del film: un incontro, un grido d’aiuto e la debole speranza in un futuro migliore, il tutto racchiuso in questa fortissima canzone.

  1. Into the West da Il Signore degli Anelli – Il ritorno del re

Colonna sonoraAnche per un’icona leggendaria dal calibro di Annie Lennox non deve essere stato semplice concepire sei minuti di canzone in grado di catturare l’intera portata di 600 minuti di saga. Ebbene, con “Into the West”, premio Oscar per la migliore canzone nel 2004, ci è riuscita. Incanalando la tenerezza agrodolce degli ultimi momenti del film (rispetto alla magniloquenza dell’avventura epica che ha li ha anteceduti), la Lennox ci regala una ballata che rispetta il dolore di quello che è successo precedentemente nella saga e guarda futuro incerto che sembra attendere quelli rimasti indietro.

  1. Young and Beautiful da Il grande Gatsby

Colonna sonoraÈ raro che una canzone molto bella prenda origine da una colonna sonora, ma è raro anche che un artista mega-pop ceda la sua migliore canzone di sempre per la realizzazione di una colonna sonora originale. Ecco dove sta la generosità di Lana Del Rey, la cui “Young and Beautiful” riesce da una parte a cristallizzare la malinconia dell’adattamento moderno del romanzo americano di Baz Luhrmann, dall’altra a incarnare lo spirito triste e desolato che pervade tutta la musica di Lana Del Rey.

Per ogni notizia e aggiornamento sul mondo dello spettacolo, cinema, tv e libri, vi consigliamo di seguire la nostra pagina Facebook

Fonte: IndieWire

About Alice Tonasso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *