Home / News / Sulla mia pelle: il caso Cucchi sbarca alla Mostra di Venezia
Sulla mia pelle Borghi

Sulla mia pelle: il caso Cucchi sbarca alla Mostra di Venezia

Da quando Stefano Cucchi viene fermato con l’accusa di spaccio e detenzione di stupefacenti a quando viene ritrovato morto sul letto della sua cella passano 9 giorni. E’ sul calvario, pieno di ombre e sospetti, affrontato dal giovane Stefano che si concentra il film Sulla mia pelle di Alessio Cremonini, presentato quest’oggi alla Mostra del Cinema di Venezia come film d’apertura di Orizzonti. Sulla mia pelle sarà poi disponibile su Netflix a partire dal 12 settembre e contemporaneamente in alcune sale selezionate dello stivale grazie a Lucky Red.

Sulla mia pelle – Alessandro Borghi: “Una sana paura interpretare Stefano”

Sulla mia pelle Alessandro BorghiLa prima reazione che ho avuto quando mi è stato proposto di interpretare Stefano Cucchi è stata di sana paura,” confida alla sala stampa del Casinò Alessandro Borghi. E’ l’attore di Suburra – La serie a dare il volto e il corpo al giovane Stefano negli ultimi giorni della sua vita. Borghi si è calata perfettamente nella parte, basti notare come anche la voce di Cucchi, così flebile e sussurrata, sia stata fedele all’originale.

Sentivo una grande responsabilità nell’interpretare Stefano Cucchi. E’ stato molto complicato trovare la misura giusta per raccontare la storia,” dice Borghi che aggiunge anche di essersi “sempre interessato alla vicenda di Stefano Cucchi. Mi ha sempre coinvolto emotivamente.” Per lui è stata “un’occasione inestimabile soprattutto per raccontare una storia che il cinema aveva il dovere di raccontare.

Sulla mia pelle – Jasmine Trinca: “Un privilegio interpretare una donna così coraggiosa”

Nel ruolo della sorella Ilaria una convincente Jasmine Trinca che in conferenza stampa dice di essere “molto emozionata. Per me è stato un privilegio interpretare una donna così coraggiosa, nonostante sia stato molto impegnativo.” Jasmine si sente in dovere di ringraziare Ilaria Cucchi in quanto “mi ha permesso di rendere pubblico un dolore così privato com’è stata morte del fratello. Tutto questo esigeva una forma di rispetto.

Sulla mia pelle – Max Tortora: “Misura e rispetto per questo film”

Sulla mia pelle Jasmine TrincaIl più emozionato in conferenza stampa appare l’attore Max Tortora, noto per le sue imitazioni di personaggi famosi ma che ultimamente si è sdoganato nel migliore dei modi anche nel cinema d’autore (basti vederlo anche nel ruolo del malavitoso in La terra dell’abbastanza) e che nel film di Cremonini interpreta il padre di Stefano Cucchi: “Per raccontare una storia come questa sono stati fondamentali la misura e il rispetto. Credo che in un film del genere, per noi attori, non sia necessario metterci qualcosa di proprio.

Sulla mia pelle – Alessio Cremonini: “La situazione delle carcerci in Italia è disastrosa”

Per ultimo parla il regista, Alessio Cremonini, che si sofferma sul numero impressionante di morti in carcere: “Quando Stefano Cucchi muore, nell’ottobre del 2009, è il decesso numero 148 avvenuto in carcere. A fine anno i carcerati morti saranno 176. Nelle prigioni ci sono anche molti suicidi. Tutto questo per dire che è sotto gli occhi di tutti che il sistema carcerario in Italia fa acqua da tutte le parti.

Per la nostra recensione di Sulla mia pelle vi diamo appuntamento ai giorni precedenti l’uscita del film su Netflix e nelle sale italiane.

Per ogni notizia e aggiornamento sul mondo dello spettacolo, cinema, tv e libri, vi consigliamo di seguire la nostra pagina Facebook

 

About Daniele Marseglia

Ricordo come se fosse oggi la prima volta che misi piede in una sala cinematografica. Era il 1993, film: Jurrasic Park. Da quel momento non ne sono più uscito. Il cinema è la mia droga.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.