Home / Netflix / Operation Finale: recensione del film Netflix con Oscar Isaac e Ben Kingsley
Operation Finale Ben Kingsley

Operation Finale: recensione del film Netflix con Oscar Isaac e Ben Kingsley

Disponibile da ottobre su Netflix: Operation Finale, l’ultimo film di Chris Weitz con Ben Kingsley, Oscar IsaacMélanie Laurent sulla cattura in Argentina del gerarca nazista Adolf Eichman nel 1960.

Operation Finale: sinossi

Operation Finale Oscar IsaacA quindici anni dalla fine della Seconda Guerra Mondiale, l’intelligence israeliana (Mossad), riesce a rintracciare un criminale nazista rifugiatosi in Argentina. Un manipolo di agenti segreti guidati dall’infaticabile agente dello Shin Bet, Peter Malkin, lanciarono nel 1960 un’operazione Top Secret per catturare il famigerato Adolf Eichmann rifugiatosi a Buenos Aires sotto falso nome.

Operation Finale: le nostre impressioni

Adolf Eichmann, l’uomo soprannominato l’architetto della “Soluzione Finale”, divenne più noto per la sua rocambolesca cattura e la sua estradizione in Israele. Con quest’ultimo sono ben 6 i film e i documentari riguardanti la cattura e il processo di Adolf Eichmann. Ricordiamoli: Uno specialista – Ritratto di un criminale moderno (1999), Conspiracy – Soluzione finale (2001), Hannah Arendt (2012) e altri.

Il cast di Operation FinaleNeppure questo film effettivamente si concentra sul ruolo di Eichmann nell’architettare la deportazione su rotaie ai campi di concentramento. In Operation Finale il regista Chris Weitz ne fa un vago accenno. Durante titoli di testa si vede una mano (presumibilmente quella di Eichmann) intenta ad appuntare spille su una mappa dell’Europa centrale. Carrellata stretta su fogli contenenti nomi di campi di concentramento, di città europee e orari di treni. Per la sceneggiatura piuttosto si è preso spunto dalla biografia “La casa in Via Garibaldi” (1975) di Isser Harel che si concentra sul rapporto tra Eichman (Ben Kingsley) e Peter Malkin, l’agente del Mossad che lo catturò e lo convinse a sottoporsi al processo. Il film è ambientato durante i giorni del suo sequestro a Buenos Aires, prima della rocambolesca estradizione in Israele. Scene di azione e tensione smorzate repentinamente da momenti statici del sequestro, o flashback di ricordi.

Tra il cast figura la bella Mélanie Laurent che ci rimanda alla bionda cinefila di Bastrdi Senza Gloria (2009). C’è poi Oscar Isaac, noto ai più come il Poe Dameron membro della Resistenza nella Trilogia di Star Wars. Ma soprattutto c’è Ben Kingsley che nella sua carriera ha interpretato ben tre sopravvissuti all’olocausto. Fu Otto Frank in Il diario di Anne Frank, Itzhak Stern in Schindler’s List e La storia di Simon Wiesenthal (1989). Qui, nonostante il cerone arancione e i baffi tinti, il 74enne Kinglsey male-interpreta il ruolo di Adolf Eichmann, che al momento della sua cattura nel 1960 aveva appena 54 anni. E ancora peggio nelle scene di flashback, quando fu decisa la Soluzione Finale (1942), Eichmann aveva soli 36 anni.

Operation Finale

Valutazione globale - 4

4

Un thriller storico poco convincente

User Rating: Be the first one !

Operation Finale: giudizio in sintesi

Oscar IsaacSu Netflix si è visto di peggio ultimamente, ma questo film riesce a collezionare – oltre a una brutta performance di Kingsley – una serie di buone occasioni mancate e momenti cinematografici dolorosamente banali. Nonostante gli spunti che la trama offre, il film si perde in momenti drammatici mal recitati e in situazioni avventurose che necessitavano di maggior ritmo. Se Hanna Arendt scrisse sul processo a Eichmann il saggio “La banalità del male” (1963), qui possiamo parlare tranquillamente del “male della banalità”.

Per ogni notizia e aggiornamento sul mondo dello spettacolo, cinema, tv e libri, vi consigliamo di seguire la nostra pagina Facebook

About Francesca Braghetta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.