Home / News / Black Sails: Toby Stephens si racconta in un’intervista
black sails 4

Black Sails: Toby Stephens si racconta in un’intervista

Nella quarta e ultima stagione di Black Sails, Eleanor Guthrie (Hannah Nuova) ha aiutato Woodes Rogers (Luke Roberts) a trasformare Nassau in una fortezza impenetrabile mentre il capitano Flint (Toby Stephens) ha accumulato una flotta di forza senza precedenti.

In un’intervista telefonica, l’attore Toby Stephens racconta come come ognuno abbia messo tutto se stesso quando si trattava di fare Black Sails. Questo sarà quello che gli mancherà di più di questa esperienza, proprio come i drammi che stiamo per vedere, le sequenze d’azione estenuanti.

Sono allo stesso tempo molto depresso nel dover parlare della stagione finale di Black Sails e molto entusiasta per quanto stupefacente questa stagione sembri

Bene, sono contento che tu sia entusiasta

Questo show ha indubbiamente spinto oltre i limiti di ciò che uno show televisivo può fare, ed è stata un’impresa enorme, per quattro stagioni. Guardando indietro, cosa sei più orgoglioso di essere stato in grado di realizzare con questo spettacolo?

Penso che sia il fatto che ognuno ha dato tutto. Starz davvero si è esposta molto, finanziariamente. I creatori hanno scritto e hanno creato un tale spettacolo straordinario. Gli standard di produzione sono stati sorprendenti. Tutti gli attori si sono alzati, ogni giorno, e hanno dato il massimo; è stato estremamente soddisfacente fare uno spettacolo così complesso, in tanti modi diversi. Si tratta di una storia complicata con personaggi complessi, che si svolge in questo avvincente periodo storico.

Cosa pensi ti mancherà di più, non solo l’esperienza di fare Black Sails, ma anche del vivere in panni di questo tipo?

Penso che mi mancherà il cameratismo, con gli scrittori e i creatori, Jonathan [Steinberg], Robert [Levine] e Dan [Shotz]. Mi è piaciuto lavorare con loro e lavorare con il loro materiale, e lavorare con tutti gli attori sul set. Che in realtà era la cosa più divertente, e questo è ciò che fa funzionare Flint. Flint ha preso forma nel contesto dello show. Possiamo dire che sia anche merito di tutte quelle persone che mi aiutano a farlo.

Che cosa si può dire circa la storia del capitano Flint in questa stagione e dove andrà a parare l’avventura? Sono così drammatici i prossimi avvenimenti?

black sailsBeh, sappiamo che è una tragedia perché la rivoluzione e l’emancipazione che Flint vuole non è avvenuta. E Silver finisce per diventare la tragica figura che tutti conosciamo ne L’isola del Tesoro. E l’età dell’oro della pirateria si è conclusa, quindi sappiamo che non finisce bene. Si tratta solo di come finisce? Questa stagione è davvero il finale di partita per tutto. Si parlerà anche del rapporto tra Silver e Flint; cosa succedrà a Flint, e come Silver diventerà Long John Silver?

Pensi che l’obiettivo o la ricerca di Flint sia cambiata, a questo punto?

La situazione di Flint è che lui sta giocando il suo psico-dramma su una tela enorme. Lui è motivato, ma non da ragioni altruistiche, non dal voler emancipare tutte queste persone. Vuole davvero vendicarsi dell’Inghilterra per tutto quello che gli ha fatto. Quello che era iniziato come il voler fare solo qualche schermaglia a bordo scacchiera è diventato qualcosa che ha dimensioni enormi, qualcosa che potrebbe radicalmente cambiare il mondo.

C’è qualcuno che ti sentiresti di dire è veramente fedele a Flint, e c’è qualcuno che è veramente fedele in generale?

Sì, c’è un personaggio che finisce per essere veramente fedele a Flint, ed è meraviglioso. Negli ultimi episodi, uno dei personaggi secondari sarà in primo e  sarà interessante vedere cosa succede poi.

Per ogni notizia e aggiornamento sul mondo dello spettacolo, cinema, tv e libri, vi consigliamo di seguire la nostra pagina Facebook

Fonte: Collider

About Andrea Sartor

Cresciuto a pane (ok, anche qualche merendina tipo girella o tegolino... you know what I mean... ) e telefilm stupidi degli anni 80 e 90, il mondo gli cambia con Milch, Weiner, Gilligan, Moffat, Sorkin, Simon e Winter. Ha pianto davanti agli uffici dell'HBO. Sogno nel cassetto: pilotare un Viper biposto con Kara Starbuck Thrace e uscire con Number Six (una a caso, naturalmente). Nutre un profondo rispetto per i ragazzi e le ragazze che lavorano duramente per preparare gli impagabili sottotitoli. Grazie ragazzi, siete splendidi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *