Home / News / Da Harry Potter a Captain America: 5 blockbuster da dividere in 2
Harry Potter

Da Harry Potter a Captain America: 5 blockbuster da dividere in 2

Generalmente Hollywood fa un sacco di propaganda alla divisione in più capitoli degli adattamenti di libri al grande schermo, è uno dei suoi marchi di fabbrica. Eppure perché ci sono alcuni blockbuster che il colosso del cinema ha deciso di non suddividere in più parti? Facciamo riferimento, in particolare, a quei film che presentano una trama molto ricca o che propongono, addirittura, due storie parallele, ragioni che andrebbero di certo a giustificare la divisione della pellicola in uno o più sequel. Ma vediamo alcuni esempi, cominciando dal prequel di Harry Potter.

Animali fantastici e dove trovarli (2016)

Harry PotterL’attesissimo prequel della saga di Harry Potter, Animali fantastici e dove trovarli, avrebbe avuto un grande potenziale…se solo fosse stato suddiviso in due parti. Nella sua prima prova da sceneggiatrice, sembrava quasi che la J.K. Rowling fosse combattuta tra due filoni principali: da una parte, un film su Newt Scamander che cattura e alleva le creature magiche, dall’altra un film sull’ascesa del fascismo magico nell’America degli anni ’50. Risultato? Due intrighi caotici, che differiscono palesemente anche nel tono dei temi trattati: il primo incentrato su adorabili animaletti che rubano oggetti luccicanti, il secondo incentrato su omicidi, corruzione e abusi. Suddivise in due parti, queste due storie avrebbero probabilmente riscosso un maggiore successo… E pensare che la Warner Bros aveva inizialmente pianificato ben quattro capitoli per la saga di Animali fantastici e dove trovarli!

X-Men – Apocalisse (2016)

Cercando di bilanciare la crew di X-Men – L’inizio (formata da Charles, Erik, Mystique, ecc.) e i nuovi arrivati (Jean, Scott, Quicksilver, ecc.), X-Men – Apocalisse non è riuscito nell’intento di raccontare in modo equilibrato la storia di questi due gruppi. Neanche la trama del film è stata particolarmente sviluppata, fattore che non ha giovato, per esempio, alla caratterizzazione di uno dei protagonisti, Erik: spesso estremista e violento, il suo personaggio finisce per uccidere indistintamente uomini e mutanti nel massacro climatico del film. Se fosse stata suddivisa in due parti, la pellicola avrebbe potuto concentrarsi in modo molto più dettagliato sul gruppo de L’inizio e su quello dei nuovi mutanti, oppure avrebbe potuto presentare la nuova crew accanto a quella precedente, dedicando un secondo capitolo all’ascesa di Apocalisse. Purtroppo non sapremo mai se questo avrebbe portato a un maggiore successo; quello che è certo, è che il franchise di X-Men verrà ampliato con un ulteriore capitolo sui Nuovi Mutanti, accanto al prossimo film in uscita, Dark Phoenix, che svilupperà – se tutto va come deve andare – la storia e i personaggi di Apocalisse.

Captain America – Civil War (2016)

Harry PotterSe lo vediamo come un film sugli Avengers, Civil War è molto probabilmente il migliore. Se lo vediamo come un film su Captain America, beh, forse non è all’altezza del suo predecessore, The Winter Soldier. Analizzando per bene la pellicola, (che, ok, è di sicuro ambiziosa e piacevole), possiamo notare che la caratterizzazione di Steve Rogers non è tanto approfondita quanto meriterebbe di esserlo, poiché il film è incentrato per lo più sugli Avengers e sulle scelte di ognuno dei suoi membri. A causa di questo split, l’ideologia e il materiale del fumetto da cui è tratto Civil War non sono lontanamente rispettati: se la storia fosse stata divisa in due – una incentrata sulle implicazioni politiche delle attività degli Avengers e i conseguenti accordi di Sokovia, l’altra incentrata, in una prospettiva transgenerazionale, sui drammi personali di Tony, Steve e Bucky – il film avrebbe forse reso di più.

Spider-Man 3 (2007)

La pecora nera del franchise di Spider-Man, Spider-Man 3, è un film con tanta trama… Troppa trama. Se solo fosse stata alleggerita separandola in due capitoli, chissà, magari la critica non si sarebbe mostrata così severa. Sarebbe bastato dividere in due parti separate la storia dei due personaggi “diversivi”, l’Uomo Sabbia e Venom: questo ci avrebbe condotto più regionevolmente al cospetto del vero antagonista del film, Harry Osborn nonché il New Goblin. Qualunque film prevedesse la trasformazione di Harry, avrebbe dovuto poi includere anche la romantica angustia provocata dall’inserimento di Gwen Stacy nel plot, altro filone mal sviluppato da Spider-Man 3. Insomma, numerosi aspetti caotici… Era abbastanza palese che questo film avrebbe dovuto essere suddiviso in più parti.

Harry Potter e il calice di fuoco (2005)

Harry PotterHarry Potter e il calice di fuoco è di sicuro il primo capitolo della saga ad aver ottenuto un adattamento motivato, ragionato… Peccato che anche questo volume avrebbe avuto bisogno di più tempo. Data la semplice struttura del Torneo Tremaghi, il film ha contato molto su questo aspetto del romanzo, senza però immergersi in quelle che sono probabilmente le parti più interessanti come, per esempio, la C.R.E.P.A. (Comitato per la Riabilitazione degli Elfi Proletari e Alienati), Winky, gli scherzi dei gemelli Weasley, la storia di Durmstrang e di Beauxbatons. Non è difficile capire perché la Warner Bros ha deciso di produrre una sola pellicola: nel libro non c’erano cenni a pause e gli attori stavano crescendo. Un vero peccato, però, non aver potuto sviluppare nell’adattamento tutti quegli aspetti che rendono la lettura di Harry Potter così eccezionale!

Per ogni notizia e aggiornamento sul mondo dello spettacolo, cinema, tv e libri, vi consigliamo di seguire la nostra pagina Facebook

Fonte: Collider

 

About Alice Tonasso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.