Home / Netflix / The Crown: recensione del pilot del Period Drama di Netflix

The Crown: recensione del pilot del Period Drama di Netflix

Sbarca su Netflix una serie ad altissimo budget e con elevate aspirazioni: The Crown, la storia dei primi anni di regno dell’attuale Regina Elisabetta II. Il primo episodio, riesce a soddisfare queste immani aspettative? Possiamo dire, innanzitutto, che è un prodotto realizzato veramente molto bene e che la recitazione è di ottima fattura.

the crown netflixEsprimere immediatamente, visto il solo pilot, altri giudizi così netti, è sicuramente impensabile, anche per la caratteristica peculiare del prodotto. Normalmente un pilot è un episodio introduttivo, che ci fa intuire le future qualità di una serie, che poi bisognerà vedere come verranno portate avanti. Sicuramente un pilot ci dà indicazioni sulla storia, sulla quale ci formiamo un primo giudizio per quanto riguarda premesse e complessità.

Come dicevamo, però, in questo caso questo tipo di analisi viene quasi totalmente eliminata, perché stiamo parlando di un period drama, oltretutto su fatti storici di portata mondiale, e quindi la storia che si cela dietro a questa serie è ben poco celata, è di dominio pubblico e sappiamo già a cosa andiamo incontro.

Ma The Crown nasconde un risvolto più intimo

E qui spieghiamo il “quasi totalmente” scritto prima. Una cosa rimane fuori da questa storia pubblica, ed è qui che The Crown sembra voler inserire la sua narrazione, nel risvolto più intimio e privato che si cela dietro la grande Storia, nel voler raccontare con dovizia, non tanto gli eventi, quanto i risvolti psicologici e relazionali che una tale storia e responsabilità comportano.

the crown netflixInfatti, già nell’apertura dell’episodio, dopo il matrimonio della giovane Elisabetta, saltiamo direttamente in avanti, bypassando tutto quello che succede nei primi anni di matrimonio per arrivare ai momenti più prossimi alla sua ascesa al trono. The Crown ci vuole quindi proiettare, non tanto al momento nel matrimonio di Elisabetta, ma in quello che cambierà per sempre lei e la sua famiglia, quel momento in cui dovrà rinunciare ad essere come persona per divenire un’istituzione.

La resa, fin qui, è sicuramente delicata ma ottima, lascia percepire senza dire troppo, fa si che siano gli interpreti a raccontare, con la loro stessa recitazione, con la fisicità e gli sguardi, quello che è e quello che sarà. In questo modo, The Crown ci fa calare in modo lieve in una situazione che lieve non è e avanza, con passi gentili, nel racconto.

The Crown risulta impeccabile come recitazione

Questo infatti è proprio il punto forte della serie. Gli interpreti sono impeccabili a cominciare da Claire Foy. L’attrice britannica, che con Elisabetta condivide il secondo nome, è perfetta nel dipingere una donna gentile e felice, ma anche, e soprattutto, determinata e dura, nei momenti in cui ciò si renda necessario. the crown netflixGià si intuisce, grazie alla sua recitazione, il peso che le pioverà sulle spalle ed anche la grinta e pervicacia con cui la reale Regina Elisabetta è stata in grado di portare avanti un Regno che al suo esordio nasceva in un momento decisamente complicato. La vedremo alla prova dei fatti nei momenti difficili che seguiranno l’incoronazione, ma già ora il plauso sembra meritato.

Altro mattatore di questo esordio è sicuramente Jared Harris, che ci restituisce un Re Giorgio dal lato umano, sofferente ma speranzoso, come furono i drammatici anni del suo regno, percorsi da una crisi immane prima e da una guerra dopo, dai bombardamenti sull’Inghilterra e dalle privazioni a cui mai sfuggì e che lo resero, insieme a Churchill, una delle icone della resistenza britannica all’invasione.

I restanti personaggi, al momento sono solo accennati: un principe Filippo in disparte ma già pieno di sofferenza per il ruolo subalterno e per la rinuncia ai suoi sogni, un Churchill ormai al tramonto ma ancora energico e prepotente. Nella loro caratterizzazione Matt Smith e John Lithgow fanno un ottimo lavoro, anche se solo accennato, che comunque avremo tempo e modo di seguire nel loro evolversi.

Sostanzialmente il pilot risulta promosso, perché centra gli obiettivi possibili in questo momento, lasciando al resto degli episodi, l’obbligo di provare la bontà di questa serie.

Per ogni notizia e aggiornamento sul mondo dello spettacolo, cinema, tv e libri, vi consigliamo di seguire la nostra pagina Facebook

The Crown - Pilot

Sceneggiatura
Regia e fotografia
Recitazione

Impeccabile

User Rating: Be the first one !

About Andrea Sartor

Cresciuto a pane (ok, anche qualche merendina tipo girella o tegolino... you know what I mean... ) e telefilm stupidi degli anni 80 e 90, il mondo gli cambia con Milch, Weiner, Gilligan, Moffat, Sorkin, Simon e Winter. Ha pianto davanti agli uffici dell'HBO. Sogno nel cassetto: pilotare un Viper biposto con Kara Starbuck Thrace e uscire con Number Six (una a caso, naturalmente). Nutre un profondo rispetto per i ragazzi e le ragazze che lavorano duramente per preparare gli impagabili sottotitoli. Grazie ragazzi, siete splendidi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *