Home / Netflix / Kiss me first: la serie animata-live action di Channel 4 e Netflix ad aprile
kiss me first

Kiss me first: la serie animata-live action di Channel 4 e Netflix ad aprile

Arriverà il 2 aprile sul canale britannico Channel 4, Kiss Me First, serie animata – live action che verrà poi trasmessa a livello mondiale da Netflix, prevedibilmente alla fine della corsa inglese e quindi verso fine maggio, anche in Italia. La serie si compone di sei episodi.

Kiss me first, romanzo di formazione

Kiss Me First si basa su un romanzo del 2013 dallo stesso titolo, scritto da Lottie Moggach, che si concentra sui siti web e sull’identità online piuttosto che sulla realtà virtuale (una novità per le serie TV) e ha anche una trama piuttosto differente così come diverse versioni del personaggi principali.

kiss me firstLa trama di Kiss Me First ruota attorno a Leila, una giovane donna che cerca di trovare conforto dopo la morte di sua madre giocando a un videogioco di realtà virtuale chiamato Azana.

Tuttavia, all’interno del gioco incontra un altro giocatore chiamato Mania che la introduce in una misteriosa società interna al gioco, chiamata Red Pill. Quali sono i segreti che questa società nasconde? Perché il suo fondatore, Adrian, è così misterioso e potente? E quando Mania si presenta alla porta di Leila, nel mondo reale, può fidarsi anche di lei?

Leggete anche: la nostra recensione della terza e ultima stagione di Love, serie Netflix di Judd Apatow

La serie presenta un cast in gran parte composto da attori debuttanti tra cui Tallulah Haddon nel ruolo di Leila / Shadowfax, Simona Brown come Mania / Tess, Matthew Beard come Adrian, Matthew Aubrey nel ruolo dell’inquilino di Leila Jonty, Haruka Abe come Tippi, George Jovanovic nel ruolo di Calumny / Cyryl, Freddie Stewart come Force e Misha Butler nel ruolo di Jocasta. Nei futuri episodi, April Pearson (Skins,) si unirà al cast per interpretare il coinquilino di Tess.

Qui sotto potete vedere il trailer originale di Channel 4:

Per ogni notizia e aggiornamento sul mondo dello spettacolo, cinema, tv e libri, vi consigliamo di seguire la nostra pagina Facebook

About Andrea Sartor

Cresciuto a pane (ok, anche qualche merendina tipo girella o tegolino... you know what I mean... ) e telefilm stupidi degli anni 80 e 90, il mondo gli cambia con Milch, Weiner, Gilligan, Moffat, Sorkin, Simon e Winter. Ha pianto davanti agli uffici dell'HBO. Sogno nel cassetto: pilotare un Viper biposto con Kara Starbuck Thrace e uscire con Number Six (una a caso, naturalmente). Nutre un profondo rispetto per i ragazzi e le ragazze che lavorano duramente per preparare gli impagabili sottotitoli. Grazie ragazzi, siete splendidi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *