Home / Recensioni / Here and Now: Recensione del pilot della nuova serie di Alan Ball
Here and Now

Here and Now: Recensione del pilot della nuova serie di Alan Ball

Here and Now è la nuova serie targata HBO, creata da Alan Ball (Six Feet Under, True Blood), in onda sul network americano a partire dallo scorso 11 febbraio. In Italia la serie Here and Now – Una famiglia americana (questo il sottotitolo scelto per la messa in onda) sarà invece visibile su Sky Atlantic HD dal prossimo 27 febbraio. Here and Now è un family drama che ci racconta la storia di una famiglia tipicamente americana, multietnica e progressista, la quale inizia però a sgretolarsi quando uno dei figli adottivi inizia a soffrire di strane allucinazioni. Il nuovo lavoro di Alan Ball vanta un cast di tutto rispetto in cui figurano i premi Oscar Tim Robbins e Holly Hunter, insieme ai nomi di Jerrika Hinton, Raymond Lee, Daniel Zovatto e Sosie Bacon.

Here and Now, il pilot: sinossi

Ambientata a Portland, in Oregon, la prima puntata di Here and Now si intitola Eleven Eleven (11:11) e ci presenta tutti i componenti della famiglia creata dalla coppia composta da Greg Bishop, acculturato professore universitario di filosofia, e Audrey Black, ex terapeuta fricchettona.

Here and Now

È il giorno del sessantesimo compleanno di Greg e la moglie sta organizzando una festa per il marito, alla quale sono chiamati a partecipare tutti i membri della loro non convenzionale famiglia.

È così che facciamo la conoscenza prima di Ramon, giovane ventenne gay adattato dalla Colombia, poi di Duc, life coach, adottato dal Vietnam, e Ashley, adottata dalla Somalia, donna in carriera con marito e figlia piccola a carico. Per ultima arriva Kristen, l’unica figlia biologica della famiglia Bishop, adolescente di diciassette anni, decisamente anticonformista e affezionatissima al fratello Ramon. Ma proprio nel giorno del compleanno dell’amato e stimato padre qualcosa non va come andrebbe, Ramon infatti durante la festa ha delle allucinazioni che mettono in allarme tutta la famiglia…

Here and Now, il pilot: le nostre impressioni

Here and Now porta in scena l’affresco di legami familiari che si presentano quasi come un esperimento sociale, un tentativo di rendere concrete le aspirazioni progressiste e anticonformiste della coppia formata da Tim Robbins e Holly Hunter.

Here and Now

Il risultato è l’immagine di una famiglia variegata e un po’ bizzarra, nella quale, dietro l’apparente armonia e ostentata felicità, si nascondono insoddisfazioni, dubbi e non pochi problemi. Il capofamiglia sembra non aver preso bene l’avanzare degli anni e tenta di sfuggire alla realtà andando a letto con una giovane prostituta, la moglie, mamma tuttofare della famiglia, rivela invece, dietro la sua efficienza, tratti di evidente isteria, mentre i loro figli, chi per un aspetto chi per un altro, sembrano lontani dall’aver raggiunto una reale felicità o una qualche forma di stabilità. Il tutto sullo sfondo di quella che a un occhio poco attento potrebbe sembrare la famiglia perfetta: liberale ma imborghesita, progressista ma tradizionale, multietnica ma perfettamente integrata.

Ma non è mai tutto oro quello che luccica e basta poco, forse troppo poco, per intravedere le crepe dietro questa perfetta unione familiare. È ancora presto per fare bilanci, ma il pilot sembra svelare tutto troppo in fretta, facendo perdere il piacere di ricostruire le personalità dei personaggi piano piano nel corso della storia. Già nei primi venti minuti ci viene svelato molto delle vite e dei caratteri di questa famiglia fra incomprensioni, desideri repressi e trasgressioni alle regole.

Here and NowC’è da dire che si capisce da subito come Here and Now sia davvero, come dice il sottotitolo della versione italiana, la storia di una famiglia americana, anzi americanissima, pienamente immersa nel tessuto sociale degli States dell’era di Trump. Se questo sia un limite o un pregio è ancora troppo presto per dirlo, per ora non ci resta che sperare che nessuno dei personaggi resti intrappolato in qualche cliché già visto sul piccolo schermo.

Già dal primo episodio, invece, è apprezzabile la presenza di una sceneggiatura brillante, che non perde di mordente, alternando toni più ilari ad altri più cupi e una fotografia che descrive perfettamente uno spaccato significativo della realtà americana.

Here and Now - pilot

Valutazione globale - 7

7

Convincente ma non del tutto

User Rating: 5 ( 1 votes)

Here and Now, il pilot: un giudizio in sintesi

Ancora una volta HBO presenta un prodotto dai contenuti non scontati e si affida per farlo a un regista come Alan Ball, al quale si deve riconoscere il merito di aver firmato alcune tra le serie più iconiche degli ultimi anni.

here and now

Un dramma familiare, calato nell’America di oggi, le cui contraddizioni e ambiguità sembrano essere lo specchio di una società che, a sua volta, si muove tra valori opposti e contrastanti.

Cast interessante e ben assortito, che sostiene una trama a tratti non così originale come le promesse parrebbero annunciare. Ma è solo l’inizio e non ci resta che aspettare per scoprire quali conseguenze avranno le allucinazione/poteri paranormali del più giovane della famiglia di Here and Now.

Per ogni notizia e aggiornamento sul mondo dello spettacolo, cinema, tv e libri, vi consigliamo di seguire la nostra pagina Facebook

About Biancamaria Majorana

Scrittrice occasionale, irriducibile amante del cinema e delle serie TV, ma sopratutto curiosa per vocazione. Ho scoperto il cinema che non ero più piccolissima, ma ho fatto del mio meglio per recuperare il gap e oggi consumo voracemente film e serie televisive ogniqualvolta mi sia possibile. Non sono certa di nulla, ma di una cosa sono sicura: abbiamo tanto bisogno di storie, se belle ancora meglio!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.