Home / News / The White House Farm Murders: in sviluppo un crime su Jamie Bamber
The White House Farm Murders

The White House Farm Murders: in sviluppo un crime su Jamie Bamber

ITV sta sviluppando un nuovo true crime, The White House Farm Murders, basato sulla storia di Jeremy Bamber, un killer che ha scosso l’Inghilterra negli anni 80, ed è divenuto anche un caso (un po’ meno, chiaramente) noto anche all’estero, per aver ucciso i suoi genitori adottivi, la sorella adottiva e i di lei figli gemelli di sei anni in una remota fattoria dell’Essex.

The White House Farm Murders, lo sviluppo

Il canale sta sviluppando, quindi, una serie in sei parti chiamata provvisoriamente The White House Farm Murders, scritta dal talentuoso scrittore australiano Kris Mrksa, autore del thriller di BBC1, Requiem.

The White House Farm MurdersLa storia racconterà gli eventi che hanno preceduto e seguito la sanguinosa carneficina della notte del 6 e 7 agosto 1985, quando Nevill e June Bamber furono uccisi all’interno della loro fattoria, insieme alla loro figlia adottiva, Sheila Caffell, e ai figli gemelli di sei anni di Sheila, Daniel e Nicholas Caffell.

Inizialmente la polizia credeva che Sheila Cafell avesse commesso gli omicidi, ma alla fine fu arrestato Bamber.

Durante il processo, l’accusa sostenne che, motivato da una grande eredità, Bamber aveva sparato alla famiglia con il fucile semiautomatico di suo padre, quindi mise il fucile nelle mani della sorella instabile per farlo sembrare un omicidio-suicidio.

Bamber fu condannato per cinque omicidi nell’ottobre del 1986 con una pena minima di 25 anni. Nel 1994 gli fu detto che non sarebbe mai stato rilasciato, un giudizio che da allora è stato confermato in appello. Bamber nega ancora il suo coinvolgimento nei crimini.

Leggete anche: la nostra recensione del pilot di O’mecanismo, true crime brasiliano di Netflix dallo stesso autore di Narcos

Mrksa crede che The White House Farm Murders possa raccontare in modo interessante la storia in sé ma possa essere importan’intervista a RadioTimes.com: “C’è una forte linea procedurale che la attraversa [la storia, n.d.r.], ma è molto più legata ai personaggi. Penso che ci sia una storia complessa per quanto riguarda pressioni, risentimenti e disfunzioni delle famiglie. ”

 

Per ogni notizia e aggiornamento sul mondo dello spettacolo, cinema, tv e libri, vi consigliamo di seguire la nostra pagina Facebook

About Andrea Sartor

Cresciuto a pane (ok, anche qualche merendina tipo girella o tegolino... you know what I mean... ) e telefilm stupidi degli anni 80 e 90, il mondo gli cambia con Milch, Weiner, Gilligan, Moffat, Sorkin, Simon e Winter. Ha pianto davanti agli uffici dell'HBO. Sogno nel cassetto: pilotare un Viper biposto con Kara Starbuck Thrace e uscire con Number Six (una a caso, naturalmente). Nutre un profondo rispetto per i ragazzi e le ragazze che lavorano duramente per preparare gli impagabili sottotitoli. Grazie ragazzi, siete splendidi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.