Home / News / Ryan Murphy al lavoro su una serie ambientata negli anni 80
Ryan Murphy

Ryan Murphy al lavoro su una serie ambientata negli anni 80

Ryan Murphy dorme? Non ne siamo così sicuri e iniziamo a temere per la salute fisica e mentale (mai avuta?) del decisamente prolifico autore di Indianapolis. In questo momento Murphy ha on air la prima stagione di Feud e sta lavorando alla seconda, è in fase di sviluppo con la settima stagione di American Horror Story, mentre sta lavorando più o meno simultaneamente alle prossime 3 stagioni di American Crime Story (serie che gli è valsa un numero spropositato di premi). Visto che è terminata la sfortunata avventura di Scream Queens, trovandosi con meno di 8 progetti su cui lavorare, si sarà detto che poteva fare altro, e quindi eccoci arrivare a Pose.

Pose, il nuovo progetto di Ryan Murphy

Ryan Murphy, quindi, torna al lavoro su una serie non antologica, a differenza di tutte le altre che sta portando avanti, con un drama sempre per FX (network in cui ormai fa il bello e il cattivo tempo), che produrrà con Nina Jacobson e Brad Simpson e si prevede possa andare in onda nel 2018.

pose ryan murphyScritto da Murphy, insieme al suo collaboratore di vecchia data, Brad Falchuk (AHS, ACS, Glee) e ad un nuovo scrittore scoperto dallo stesso autore, Steven Canals, Pose ha ottenuto il via libera da FX per iniziare la produzione in ottobre a New York, con Murphy che dirigerà il primo episodio come fa con tutte la sua serie.

Ambientato nel 1986, Pose vuole raccontare la sovrapposizione di diversi segmenti della vita e della società si New York: la nascita del lussuoso universo dell’era Trump, la scena sociale e letteraria del centro cittadino e il mondo un po’ underground della “cultura del ballo”.

Ryan Murphy ha iniziato il casting per lo show, che dovrebbe caratterizzarsi, in gran parte, di volti nuovi e sconosciuti.

Per ogni notizia e aggiornamento sul mondo dello spettacolo, cinema, tv e libri, vi consigliamo di seguire la nostra pagina Facebook

About Andrea Sartor

Cresciuto a pane (ok, anche qualche merendina tipo girella o tegolino... you know what I mean... ) e telefilm stupidi degli anni 80 e 90, il mondo gli cambia con Milch, Weiner, Gilligan, Moffat, Sorkin, Simon e Winter. Ha pianto davanti agli uffici dell'HBO. Sogno nel cassetto: pilotare un Viper biposto con Kara Starbuck Thrace e uscire con Number Six (una a caso, naturalmente). Nutre un profondo rispetto per i ragazzi e le ragazze che lavorano duramente per preparare gli impagabili sottotitoli. Grazie ragazzi, siete splendidi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.