Home / News / Pose: un progetto intensamente personale per Ryan Murphy
pose murphy

Pose: un progetto intensamente personale per Ryan Murphy

Pose, la nuova serie di FX, è un progetto intensamente personale per Ryan Murphy, come ha descritto lui stesso durante un recente panel al TCA.

Le dichiarazioni di Murphy su Pose

Alla domanda su quanto ci sia del documentario del 1990 Paris Is Burning in questa serie di musicale, e sul perché l’autore pensi che questo mondo possa avere un qualche interesse “mainstream”, Murphy ha detto ai critici televisivi: “Ho sempre amato Paris Is Burning. Erano rockstar per me quando stavo crescendo.” Murphy e Brad Falchuk a un certo punto hanno discusso di fare una versione televisiva del documentario girato a metà-fine anni ’80 raccontando la cultura del ballo di New York City, ma hanno deciso che sarebbe stato difficile “prendere quelle persone iconiche e fare una versione romanzata delle loro vite per una serie TV”, ha spiegato Murphy. E poi hanno creato la sceneggiatura che ha portato a Pose.

Ryan MurphySteven Canals ha scritto la sceneggiatura nel 2014 mentre studiava sceneggiatura alla UCLA, poi ha trascorso alcuni anni a raccontare che era “troppo di nicchia” e che non ci sarebbe stato un pubblico per lui e ha chiesto dove sarebbe potuto andare “uno spettacolo come questo live”. “Fortunatamente la sceneggiatura è arrivata a Murphy, e”, come Canals da detto al Q & A del TCA. “e l’ha capito.”

Murphy ha detto che il casting del progetto “è stata una cosa meravigliosa per me”. “Il mio compito era quello di fare domande”, ha detto dell’esperienza. “Sono stato costantemente corretto da queste persone meravigliose. Non ho molte persone che mi dicono di no. Mi è stato detto no 50.000 volte al giorno. “

La serie Pose

Murphy ha descritto il cast della serie come la ricerca di Scarlett O’Hara in Via col Vento, trascorrendo otto mesi lasciando che la comunità trans sapesse che la serie sarebbe stata “autentica”; i candidati per ogni ruolo sono stati portati a Los Angeles per i test in studio.

“E ‘stato molto commovente”, ha detto Murphy. “Una delle settimane migliori è stata quando ho chiamato gli attori e ho detto: ‘Ehi, ti siedi? Hai ottenuto la parte. ‘… È stata un’esperienza emozionante molto appagante. … Mi commuovo a parlarne. È molto potente “, ha aggiunto

Leggete anche: la nostra recensione della seconda stagione di Dirk Gently, da Douglas Adams a Netflix

“Questo è successo a me”, Murphy ha detto di una scena in cui il padre di un personaggio scopre che il figlio è gay e “lo picchia a sangue con una cintura. Questa è stata la mia esperienza di coming out con mio padre”, ha detto Murphy.

“Non posso credere a cosa sia stata la mia vita e non posso credere che le cose siano cambiate così radicalmente.” ha spiegato il produttore, parlando dell’epoca in cui è ambientata la serie. “Se mi avessero chiesto se avrei potuto sposarmi e avere figli come voi, non ci avrei mai creduto”, ha detto Murphy ai giornalisti, descrivendosi come qualcuno che “è sopravvissuto” e sente la responsabilità di restituire e sostenere la causa di “persone che ancora non si sentono incluse”.

Per ogni notizia e aggiornamento sul mondo dello spettacolo, cinema, tv e libri, vi consigliamo di seguire la nostra pagina Facebook

Fonte: Deadline

About Andrea Sartor

Cresciuto a pane (ok, anche qualche merendina tipo girella o tegolino... you know what I mean... ) e telefilm stupidi degli anni 80 e 90, il mondo gli cambia con Milch, Weiner, Gilligan, Moffat, Sorkin, Simon e Winter. Ha pianto davanti agli uffici dell'HBO. Sogno nel cassetto: pilotare un Viper biposto con Kara Starbuck Thrace e uscire con Number Six (una a caso, naturalmente). Nutre un profondo rispetto per i ragazzi e le ragazze che lavorano duramente per preparare gli impagabili sottotitoli. Grazie ragazzi, siete splendidi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.