Home / News / Homeland: il primo trailer ufficiale della sesta stagione

Homeland: il primo trailer ufficiale della sesta stagione

La tensione è in aumento nel primo trailer ufficiale per la sesta stagione di Homeland, Al centro della narrazione il “più difficile trasferimento di potere nella storia” (no, non quello vero tra Obama e Trump). La prossima stagione della serie di Showtime riprende diversi mesi dopo gli eventi a cui abbiamo assistito nel finale della quinta e si concentra sulle conseguenze di un’elezione presidenziale degli Stati Uniti e sul periodo di transizione che passa tra il giorno delle elezioni e l’inaugurazione del nuovo mandato presidenziale con il giuramento. Il nuovo presidente eletto sarà interpretato da Elizabeth Marvel (House of Cards).

Homeland back in town

Carrie (Claire Danes) è ora di nuovo a Brooklyn e ha iniziato a lavorare in una fondazione che fornisce aiuto ai musulmani che vivono negli Stati Uniti. Il trailer mostra la sua volontà di fare qualcosa per aiutare gli altri, anche se questo significa far arrabbiare qualcuno. La clip di quasi tre minuti mostra anche Saul (Mandy Patinkin) che viene rapito di nuovo (ancora!), discorsi sulle armi nucleari e, soprattutto, il ritorno di Quinn (Rupert Friend) .

Gli spettatori hanno visto l’ultima volta, alla fine della quinta stagione, Quinn in un letto di ospedale con possibili danni celebrali, dovuti a quello che aveva dovuto passare soprattutto una volta rapito dai terroristi a Berlino, che sembrava essere in punto di morte, ma proprio quando si pensa che il trailer sia finito Carrie, off screen, dice, “Quinn ?,” e si sente la voce di Friend rispondere: “Cosa mi è successo?”.

Homeland ritornerà sugli schermi americani di Showtime il 15 gennaio e non è ancora precisata una data di ritorno in Italia, probabilmente sempre su Fox. Potete vedere il trailer qui sopra in copertina.

Per ogni notizia e aggiornamento sul mondo dello spettacolo, cinema, tv e libri, vi consigliamo di seguire la nostra pagina Facebook

Fonte: Indiewire

About Andrea Sartor

Cresciuto a pane (ok, anche qualche merendina tipo girella o tegolino... you know what I mean... ) e telefilm stupidi degli anni 80 e 90, il mondo gli cambia con Milch, Weiner, Gilligan, Moffat, Sorkin, Simon e Winter. Ha pianto davanti agli uffici dell'HBO. Sogno nel cassetto: pilotare un Viper biposto con Kara Starbuck Thrace e uscire con Number Six (una a caso, naturalmente). Nutre un profondo rispetto per i ragazzi e le ragazze che lavorano duramente per preparare gli impagabili sottotitoli. Grazie ragazzi, siete splendidi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *