Home / News / News Serie TV / Dai Libri alla TV / Big Little Lies: Reese Witherspoon parla di sessismo e della serie
Big Little Lies

Big Little Lies: Reese Witherspoon parla di sessismo e della serie

La prima apparenza con cui si scontra Big Little Lies è di sembrare una battaglia tra donne, ma, se si guarda più in profondità, si vedrà un legame significativo di amicizia, discussioni genitoriali su chi siamo e cosa vogliamo, così come, soprattutto, come le donne combattano assieme.

“Per quanto ci possa essere un conflitto, questa storia riguarda il sostegno che ogni donna può dare ad un’altra” ha detto Nicole Kidman.

“Mi piace che questo lavoro tratti di come le donne possano unirsi per far succedere qualcosa velocemente” ha aggiunto Reese Witherspoon.

Big Little Lies

Big Little LiesCon la Kidman, Reese Witherspoon e Shailene Woodley come protagoniste, l’adattamento della HBO di Big Little Lies  è una storia raccontata dal punto di vista di tre madri: Jane (Woodley), una nuova arrivata a Monterrey che si è trasferito lì per dare una vita migliore al figlio, Madeline (Witherspoon), una lavoratrice part-time, madre a tempo pieno, che fa amicizia con Jane nel primo giorno di scuola dei figli, e Celeste (Kidman), una madre devota (con un segreto intimo) e amica di lunga data di Madeline.

La storia, rivissuta tramite flashback, riguarda un omicidio che mette sotto la lente d’ingrandimento della polizia le dispute passivo-aggressive della comunità locale. Chi l’ha fatto? Chi è morto? Il mistero continua, come queste donne ci guidano attraverso il conflitto in aumento.

“Ci sono cinque grandi ruoli qui per le donne”, ha detto la Kidman. “E questa cosa è molto, molto rara.”

Le motivazioni della Witherspoon

E questa è una delle ragioni che hanno spinto la Witherspoon a portare avanti questo progetto come produttore, coinvolgendo prima la  Kidman e poi i vari Woodley, Kravitz, e Dern. La Witherspoon era entusiasta del progetto, per motivi artistici e personali.

“Ero entusiasta di poter recitare con delle donne che avevano delle parti che mi piacciono molto”, ha dichiarato la Witherspoon. “Vedere tante donne di talento che interpretano solo mogli e fidanzate, ne ho avuto abbastanza.”

La Witherspoon ha anche coinvolto il regista di Wild, Jean-Marc Vallée, per dirigere il progetto. Dopo aver inizialmente avuto il suo ok per un paio di episodi, sia lei che la Kidman lo hanno pregato e convinto a dirigere tutti e otto gli episodi della mini-serie. “avere qualcun’altro che cercava di imitare il suo stile non avrebbe funzionato”, ha detto la Kidman.

Big Little Lies e il sessismo

“Per 25 anni, sono stato l’unica donna sul set”, ha detto la Witherspoon. “Lo chiamano la sindrome di Puffetta: Ci sono 100 Puffi maschi in giro e una sola donna. Ecco, l’aver condiviso questa esperienza con Nicole e Laura l’ha resa una performance collettiva per tutte noi. “

big little liesLa Witherspoon è un attivista e filantropa; è la presidentessa onoraria della Fondazione Avon, che sostiene la ricerca sul cancro al seno e la prevenzione della violenza domestica, ed è cresciuta sempre più attivamente come produttrice (Gone Girl, Wild e altri cinque progetti annunciati), nel tentativo di creare migliori ruoli per le donne.

“Sono determinata a far cambiare le cose.Dobbiamo vedere le donne come sono realmente, e non solo in film con un piccolo budget. Dobbiamo vedere queste cose, perché noi impariamo dall’arte, e come possiamo apprendere se non vediamo mai queste cose riflesse nello spettacolo?”

Big Little Lies avrà il suo debutto il 19 febbraio su HBO, negli Stati Uniti.

Per ogni notizia e aggiornamento sul mondo dello spettacolo, cinema, tv e libri, vi consigliamo di seguire la nostra pagina Facebook

Fonte: Indiewire

About Andrea Sartor

Cresciuto a pane (ok, anche qualche merendina tipo girella o tegolino... you know what I mean... ) e telefilm stupidi degli anni 80 e 90, il mondo gli cambia con Milch, Weiner, Gilligan, Moffat, Sorkin, Simon e Winter. Ha pianto davanti agli uffici dell'HBO. Sogno nel cassetto: pilotare un Viper biposto con Kara Starbuck Thrace e uscire con Number Six (una a caso, naturalmente). Nutre un profondo rispetto per i ragazzi e le ragazze che lavorano duramente per preparare gli impagabili sottotitoli. Grazie ragazzi, siete splendidi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *