Home / Cinema / Tutto quello che vuoi: scheda, trailer e recensione del film di Francesco Bruni
Tutto quello che vuoi

Tutto quello che vuoi: scheda, trailer e recensione del film di Francesco Bruni

  • scheda e trailer 
  • recensione 

DATA USCITA: 11 maggio 2017
GENERE: Commedia
REGIA: Francesco Bruni
ATTORI: Giuliano Montaldo, Andrea Carpenzano, Donatella Finocchiaro, Emanuele Propizio, Antonio Gerardi, Raffaella Lebboroni, Arturo Bruni, Andrea Lehotska, Carolina Pavone
NAZIONALITÁ: Italia
DURATA: 106′
DISTRIBUITO DA: 01 Distribution

Trama: Alessandro è un ventiduenne trasteverino ignorante e turbolento; Giorgio un ottantacinquenne poeta dimenticato. I due vivono a pochi passi l’uno dall’altro, ma non si sono mai incontrati, finché Alessandro accetta malvolentieri un lavoro come accompagnatore di quell’elegante signore in passeggiate pomeridiane. Col passare dei giorni dalla mente un po’ smarrita dell’anziano poeta, e dai suoi versi, affiora progressivamente un ricordo del suo passato remoto: indizi di una vera e propria caccia al tesoro. Seguendoli, Alessandro si avventurerà insieme a Giorgio in un viaggio alla scoperta di quella ricchezza nascosta, e di quella celata nel suo stesso cuore.

Francesco Bruni torna al cinema per la terza volta in veste di regista. L’ottimo esordio con la commedia Scialla! di qualche anno fa lascia ora spazio ad un film che abbraccia con forza toni più sentimentali e finanche drammatici senza tralasciare momenti puramente comici. Bruni in Tutto quello che vuoi mette un pezzo d’esperienza personale che lo ha visto in passato fronteggiarsi con una malattia come l’Alzheimer che colpì suo padre senza dargli scampo. Per farlo si affida ad un gigante del cinema italiano come l’ottantasettene Giuliano Montaldo che dopo una prestigiosa carriera da regista torna, a distanza di oltre 50 anni, a fare l’attore in un film.

Tutto quello che vuoi: il tesoro della memoria

Tutto quello che vuoiMontaldo interpreta il ruolo di Giorgio, un poeta alle fasi iniziali della demenza senile che, rimasto vedovo, ha bisogno di qualcuno che lo porti fuori a passeggiare e lo accudisca nelle mansioni casalinghe. Toccherà ad un giovane ragazzo scapestrato, dedito allo spaccio e alle bighellonate al bar con gli amici, prendersi cura di lui. Tra i due, dopo iniziali incomprensioni che sfociano nel comico, nascerà una complicità inaspettata con piacevoli momenti di tenerezza e di amicizia. Saranno i ricordi di un preciso momento della guerra vissuta da Giorgio e un “tesoro” nascosto nelle profondità di un lago in Toscana a portare i due, insieme agli amici di Alessandro, in un viaggio on the road che conclamerà in maniera indissolubile il legame tra il giovane e il vecchio poeta.

Tutto quello che vuoi è un film dove gli opposti si rincorrono continuamente trovando un punto di incontro a metà strada. Chi ha perso la memoria per cause naturali cercando di tenerla a sé sforzandosi il più possibile e chi invece una memoria (perlomeno storica) deve ancora costruirsela e lo fa grazie al rapporto che si instaura con chi la Storia l’ha vissuta in prima persona. Chi si trova in stato confusionario per via di una malattia e chi invece la confusione la vive come uno stato d’animo, come momento della vita (quello adolescenziale) dove non sai bene da che parte andare e quale strada seguire se non hai basi solide a cui aggrapparti e una famiglia a sostenerti. Che Bruni ci sapesse fare a tratteggiare i problemi della “gioventù allo sbando” della società odierna lo si era già intuito fin dal suo esordio con Scialla!. Ma qui lavora e scava più in profondità, portando a galla il malessere vissuto da una generazione con un presente appannato e un futuro indefinito all’orizzonte. Bruni sembra volerci dire che solo facendo tesoro della memoria del passato è possibile costruirsi un futuro.

Un film con anime diverse

Tutto quello che vuoiIl film cambia pelle continuamente senza mai perdere la propria identità e portando in fondo il proprio lavoro senza mai cedere al facile pietismo che può nascere quando si maneggiano argomenti come le malattie legate alla terza età. Tutto quello che vuoi ha i suoi momenti migliori nelle scene che vedono protagonista il giovane Alessandro e il poeta Giorgio, ma anche quando il film si trasforma in un on the road che mixa con sapienza i valori dell’amicizia – che non conoscono limiti d’età – e la poetica sentimentale di un viaggio intrapreso con l’innocenza e l’ingenuità di chi vuol far del bene ed essere utile ad una causa. Però, quando il sentimentalismo tenta di prendere il sopravvento c’è sempre un break, un’interruzione comica che frena il prevalere di quest’ultimo.

Va dato atto a Francesco Bruni di aver avuto il coraggio di raccontare una storia con al centro un personaggio della terza età. Se togliamo il recente film di Gianni Amelio La Tenerezza, non si riscontrano nel cinema italiano, perlomeno quello degli ultimi anni, film con protagonisti attori un po’ in là con l’età che abbiano un ruolo predominante, cosa che invece succede soventemente nella cinematografia americana. E bravo anche Giuliano Montaldo che, con la grande umiltà che lo ha sempre contraddistinto, si è messo a servizio di un altro regista.

Per ogni notizia e aggiornamento sul mondo dello spettacolo, cinema, tv e libri, vi consigliamo di seguire la nostra pagina Facebook

Tutto quello che vuoi

Valutazione globale

Un incontro tra comicità e sentimentalismo

User Rating: Be the first one !

About Daniele Marseglia

Ricordo come se fosse oggi la prima volta che misi piede in una sala cinematografica. Era il 1993, film: Jurrasic Park. Da quel momento non ne sono più uscito. Il cinema è la mia droga.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *