Home / News / News Serie TV / Cancellazioni e Rinnovi / Ray Donovan: rinnovato per la sesta stagione che si sposterà a New York
ray donovan

Ray Donovan: rinnovato per la sesta stagione che si sposterà a New York

Manca poco alla fine della quinta stagione di Ray Donovan, e arriva anche la bella notizia del rinnovo per una sesta stagione da 12 episodi.

Ray Donovan, nuova stagione, nuova città

Oltre alla nuova stagione, arriva anche la notizia di un cambio di location, che era nell’aria, ma non troppo: il fixer preferito delle celebrità Hollywoodiane si sposta verso la Grande Mela. ray donovanLa sesta stagione, infatti, si sposterà da Los Angeles, dove è stata ambientata per tutte e cinque le sue stagioni, a New York e la produzione comincerà  all’inizio del 2018.

“Ray Donovan ha gettato nuove basi in questa stagione con il suo approccio profondamente emotivo e innovativo al passaggio di Abby, senza sacrificare nessuna delle caratteristiche che sono state il suo marchio”, ha affermato Gary Levine, Presidente della programmazione di Showtime Networks. “Apprezziamo che David Hollander non sia mai soddisfatto dello status quo e il suo piano creativo per spostare lo spettacolo a New York riflette la sua implacabile ambizione per questa serie”.

Leggete anche: la nostra recensione di Suburra, prima serie italiana di Netflix

Il rinnovo e lo spostamento, infatti, vengono a valle di una stagione emotiva con Ray squassato e che ha bisogno di ricostruire la sua vita. Lo show è anche uno dei più seguiti della piattaforma Showtime.

“Per il nostro show, creativamente, New York è eccitante. Moda, media, finanza, teatro, cultura. Ci saranno nuove sfide per Ray Donovan, che significano nuove opportunità per noi come drammaturghi”, ha detto David Hollander, lo showrunner. “Ray è venuto a Los Angeles per costruire una vita per se stesso e per la sua famiglia. Non ci sono più. La carriera di Ray è cambiata e sta cercando un posto per ricostruire la sua vita. Ray pensa di andare a New York per aiutare sua figlia. Sta per scoprire che è lì per aiutare se stesso “.

Per ogni notizia e aggiornamento sul mondo dello spettacolo, cinema, tv e libri, vi consigliamo di seguire la nostra pagina Facebook

Fonte: Deadline

About Andrea Sartor

Cresciuto a pane (ok, anche qualche merendina tipo girella o tegolino... you know what I mean... ) e telefilm stupidi degli anni 80 e 90, il mondo gli cambia con Milch, Weiner, Gilligan, Moffat, Sorkin, Simon e Winter. Ha pianto davanti agli uffici dell'HBO. Sogno nel cassetto: pilotare un Viper biposto con Kara Starbuck Thrace e uscire con Number Six (una a caso, naturalmente). Nutre un profondo rispetto per i ragazzi e le ragazze che lavorano duramente per preparare gli impagabili sottotitoli. Grazie ragazzi, siete splendidi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *