Home / News / Manifest: 3 cose da sapere sulla nuova serie evento della NBC
Manifest

Manifest: 3 cose da sapere sulla nuova serie evento della NBC

Erano diversi anni che nel mondo della televisione non si parlava di serie evento. C’è addirittura chi l’ha paragonata a Lost per delle similitudini che possono far tornare alla mente l’indimenticabile serie di J.J. Abrams. Fatto sta che Manifest si è presentata al pubblico americano con un grande carico di aspettative, anche per via di una trama che ha messo subito l’acquolina in bocca a tutti, in particolar modo per i nostalgici delle serie che si presentano con un mistero alla base del plot.

Manifest racconta il mistero del volo 828 della Montego Air, scomparso dai radar nel 2013. Dopo anni di ricerche a vuoto e dato per disperso in mare, l’aereo riappare inspiegabilmente 5 anni dopo. Dopo aver pianto la perdita della famiglia, degli amici e dei colleghi, chi ha dovuto imparare ad andare avanti scopre che i 191 passeggeri, compresi i membri dell’equipaggio, sono vivi e che il tempo per loro non è passato. Mentre cercano di riprendere una vita normale, alcuni di loro cominciano a sperimentare degli strani e inspiegabili fenomeni.

Prima di lasciarvi proseguire nella lettura, vi avvisiamo che il seguente articolo contiene spoiler sui primi 2 episodi di Manifest.

3 cose che dovresti sapere su Manifest

1) La fede ricopre un ruolo chiave…

Manifest Josh DallasIl popolare versetto della Bibbia, Romani 8:28, è un tema ricorrente. L’aereo è numerato, per l’appunto, 828. Dopo che atterra, Michaela sente il versetto citato nella sua testa. Vediamo un cuscino a casa di sua madre ricamato con la scritta “Tutte le cose funzionano insieme per sempre”.

I personaggi, al loro ritorno, scoprono che situazioni specifiche nelle loro vite sono migliorate dopo cinque anni. Come dice una persona, “L’universo ha appena dato a tutti noi un ripensamento“. O forse era Dio. La serie dimostra come le cose brutte possano essere trasformate in positivo nel corso della vita.

Deve esserci una spiegazione,” per tutto quello che succede, dice la madre di Michaela rivolgendosi alla figlia, che risponde “E Dio non è abbastanza buono per te [come spiegazione]?”

La fede non viene ridicolizzata in Manifest.

 

2) …ma anche la fantascienza

Manifest castNei primi due episodi sentiamo parlare di viaggi nel tempo e di wormhole. Alcuni funzionari governativi si domandano persino se i passeggeri dell’aereo siano impostori di persone decedute.

Il produttore esecutivo e scrittore Jeff Rake ha dichiarato che la serie esplora l’interazione tra fede e scienza.

Quel dibattito è antico quanto il tempo stesso. È davvero l’ultimo dibattito della storia umana: fede contro scienza,” ha detto Rake a USA Today. “Mi ingegno in ogni episodio per raccontare la storia di cosa accadrebbe davvero se qualcosa di straordinario si fosse mai verificato.

 

3) Mistero e intrighi

Manifest Josh DallasManifest è caratterizzata anche da una forte dose di mistero e di intrighi. Una strana donna si avvicina al giovane nipote di Michaela per la strada e proclama: “È risorto! Lui non è qui! È risorto!” A chi si riferisce? Più tardi, vediamo una figura d’ombra che segue un personaggio importante, ma non vediamo mai la sua faccia. Di chi si tratta? E’ Dio? Un alieno? Un cospiratore governativo?

La serie va in onda ogni lunedì sera alle 21:10 su Premium Stories HD.

Fonte: CrossWalk

About Daniele Marseglia

Ricordo come se fosse oggi la prima volta che misi piede in una sala cinematografica. Era il 1993, film: Jurrasic Park. Da quel momento non ne sono più uscito. Il cinema è la mia droga.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.