Home / Netflix / Happy Valley: la terza stagione non prima di fine 2018

Happy Valley: la terza stagione non prima di fine 2018

L’acclamato police drama di BBC Happy Valley non tornerà prima della fine del 2018, come ha dichiarato nei giorni scorsi il produttore esecutivo Nicola Shindler.

La terza stagione di Happy Valley

Shindler, la cui Red Productions produce il dramma, ha detto che la creatrice di Happy Valley, Sally Wainwright, sta lavorando ad un altro progetto per BBC, e che questo spiega parzialmente i ritardi che ci sono nel portare in tv una nuova stagione dello show.

Non sono stati rivelati nuovi dettagli sulla serie, ma almeno è stato dichiarato che ci sono buone speranze per vedere il ritorno della serie nonostante i problemi creativi che si stanno vivendo al momento. Shindler ha anche affermato che Sarah Lancashire è desiderosa di riprendere il suo ruolo di Sergente Catherine Cawood, nonostante ci fossero voci che lei non fosse entusiasta di continuare in questo show.

happy valley“Stiamo lavorando a una nuova idea con Sally per la prossima stagione, che però andrà in onda il prossimo anno, quindi, la nuova stagione di Happy Valley non potrà arrivare prima della fine del 2018. Sally non sta lavorando alla sceneggiatura di Happy Valley da un po’ di tempo, ma ha voglia ed è determinata a farlo di nuovo.”

“La terza serie di Happy Valley ha bisogno di un po’ di tempo, anche per permettere al personaggio di Ryan di crescere. Il giovane nipote di Catherine è stato concepito da una violenza perpetrata dal villain Royce, interpretato da James Norton. Sally sta pensando ad una storia e la storia a cui sta pensando ha letteralmente bisogno del tempo. Perché se guardi i personaggi che sono rimasti, c’è Sarah, c’è James Norton e c’è un giovane ragazzo che, nel momento in cui si trasforma in un adolescente, diventa una storia molto più interessante. Non sa quale sia la storia, ma ce l’ha sicuramente in testa.”

Per ogni notizia e aggiornamento sul mondo dello spettacolo, cinema, tv e libri, vi consigliamo di seguire la nostra pagina Facebook

Fonte: Radiotimes

About Andrea Sartor

Cresciuto a pane (ok, anche qualche merendina tipo girella o tegolino... you know what I mean... ) e telefilm stupidi degli anni 80 e 90, il mondo gli cambia con Milch, Weiner, Gilligan, Moffat, Sorkin, Simon e Winter. Ha pianto davanti agli uffici dell'HBO. Sogno nel cassetto: pilotare un Viper biposto con Kara Starbuck Thrace e uscire con Number Six (una a caso, naturalmente). Nutre un profondo rispetto per i ragazzi e le ragazze che lavorano duramente per preparare gli impagabili sottotitoli. Grazie ragazzi, siete splendidi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *