Home / News / News Serie TV / Dai Libri alla TV / Il Dracula di Steven Moffat non sarà ambientato al giorno d’oggi
dracula

Il Dracula di Steven Moffat non sarà ambientato al giorno d’oggi

Per la trasposizione di Dracula in lavorazione alla BBC nelle sapienti mani di Steven Moffat, c’era un dubbio che aleggiava tra i fan e che lo stesso autore ha voluto dissipare. La nuova serie dell’autore di Sherlock non sarà ambientata ai giorni nostri.

Niente modernità per Dracula

Parlando allo show di Radio 2 di Graham Norton, l’ex showrunner di Doctor Who ha rivelato che stava reinventando la storia “in modo Sherlock-y. Ma non esattamente allo stesso modo”, ha aggiunto rapidamente. “Non lo stiamo modernizzando o altro, ma stiamo facendo una versione differente di Dracula, sì.”

mark gattis gunpowderQuindi, che altro sappiamo della serie fino ad ora? La storia in tre parti, con episodi di 90 minuti ciascuno, vedrà Moffat riunirsi con la star di Sherlock, Mark Gatiss. La coppia sta attualmente scrivendo lo spettacolo – una “scuderia” di Sherlock, secondo Gatiss – che sarà basato sul classico romanzo del 1897 di Bram Stoker in cui il sanguinario Conte si sposta dalla Transilvania all’Inghilterra.

E mentre Gatiss non aveva una risposta su chi potesse interpretare il cupo protagonista quando gli è stato chiesto a febbraio, ha poi affermato che a lui sarebbe piaciuto essere Renfield, un detenuto in un manicomio che mangia creature viventi nella speranza di ottenere la forza vitale.

Leggete anche: la nostra recensione della prima stagione di Dark, la serie tedesca di Netflix

La serie sarà presto in TV, però? Non contateci: Moffat e Gatiss hanno appena iniziato a scrivere lo show. Purtroppo, per ora, potremmo dover aspettare alcuni anni prima che Dracula voli sugli schermi.

Per ogni notizia e aggiornamento sul mondo dello spettacolo, cinema, tv e libri, vi consigliamo di seguire la nostra pagina Facebook

About Andrea Sartor

Cresciuto a pane (ok, anche qualche merendina tipo girella o tegolino... you know what I mean... ) e telefilm stupidi degli anni 80 e 90, il mondo gli cambia con Milch, Weiner, Gilligan, Moffat, Sorkin, Simon e Winter. Ha pianto davanti agli uffici dell'HBO. Sogno nel cassetto: pilotare un Viper biposto con Kara Starbuck Thrace e uscire con Number Six (una a caso, naturalmente). Nutre un profondo rispetto per i ragazzi e le ragazze che lavorano duramente per preparare gli impagabili sottotitoli. Grazie ragazzi, siete splendidi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *