Home / Netflix / Disjointed: Michael Trucco sarà il rivale di Kathy Bates nella serie
michael trucco disjointed

Disjointed: Michael Trucco sarà il rivale di Kathy Bates nella serie

Netflix sta lavorando su una comedy di Chuck Lorre, Disjointed, con come protagonista Kathy Bates e questa è la parte di notizia che era nota.

La novità arriva dal casting però, perché è stato identificato quello che sarà il rivale della Bates in Disjointed, ossia l’ex attore che abbiamo visto già dieci anni fa in Battlestar Galactica, Michael Trucco, che si aggiunge agli attori della serie, in un ruolo che viene descritto come ricorrente.

Disjointed

Chuck Lorre (The Big Bang Theory) e David Javerbaum (The Daily Show) sono i produttori di questa sitcom che vede come protagonista la star di American Horror Story (giusto per rimanere sul presente), Kathy Bates, nel ruolo di un avvocato che ha combattuto per tutta la vita per la legalizzazione della marijuana e che sta finalmente vivendo il suo sogno come proprietaria di un dispensario di cannabis che gestisce nella zona di Los Angeles.

disjointed netflixTrucco, le cui recenti apparizioni in televisione includono delle partecipazioni come guest star in serie come Grandfathered, Scandal e Code Black, interpreterà Tae Kwon Doug, un veemente oppositore della legalizzazione della marijuana che nella vita lavora come istruttore di arti marziali, la cui dojang si trova accanto al negozio gestito dalla Bates.

Si sa anche già il nome del negozio gestito dalla protagonista che si chiamerà “Ruth’s Alternative Caring” (un po’ un gioco di parole che balla tra la “medicina alternativa di Ruth” e il “volersi bene”)

Disjointed ha ottenuto direttamente un ordine per una stagione completa da 20 episodi con classica durata da sitcom di mezzora (classica per una piattaforma di streaming come Netflix) e sarà in onda dal mese di Luglio. D’altronde con nomi come Lorre e Bates non si possono certo ordinare due episodi e basta.

Per ogni notizia e aggiornamento sul mondo dello spettacolo, cinema, tv e libri, vi consigliamo di seguire la nostra pagina Facebook

Fonte: TVLine

About Andrea Sartor

Cresciuto a pane (ok, anche qualche merendina tipo girella o tegolino... you know what I mean... ) e telefilm stupidi degli anni 80 e 90, il mondo gli cambia con Milch, Weiner, Gilligan, Moffat, Sorkin, Simon e Winter. Ha pianto davanti agli uffici dell'HBO. Sogno nel cassetto: pilotare un Viper biposto con Kara Starbuck Thrace e uscire con Number Six (una a caso, naturalmente). Nutre un profondo rispetto per i ragazzi e le ragazze che lavorano duramente per preparare gli impagabili sottotitoli. Grazie ragazzi, siete splendidi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *