Home / News / News Serie TV / Cancellazioni e Rinnovi / American Vandal: Netflix rinnova la serie per la seconda stagione
American Vandal

American Vandal: Netflix rinnova la serie per la seconda stagione

American Vandal, la serie satirica di Netflix che prende in giro i true-crime, ambientata in un mondo di teenager della high school e di peni dipinti con lo spray, è pronta per tornare con una nuova “approfondita” indagine.

American Vandal, il ritorno

american valndalCome si può vedere nel teaser qui sotto, la comedy rivelazione tornerà con otto episodi completamente nuovi nel 2018 con i co-creatori e produttori esecutivi Dan Perrault e Tony Yacenda e lo showrunner e produttore esecutivo Dan Lagana che riprenderanno i loro ruoli alla guida dello show.

“Puoi essere nato nella famiglia perfetta, frequentare la scuola perfetta, vivere la vita perfetta”, dice il voiceover nel teaser. “Ma tu puoi nascere al di sopra della legge?” Il video non ci mostra molto sulla nuova stagione oltre a flash di foto dell’annuario. Se sia o meno collegata alla prima stagione deve ancora essere rivelato.

Leggete anche: nel 2018 tornerà su Netflix anche Big Mouth

American Vandal contiene un chiaro riferimento satirico a famosi successi crime dello stesso network streaming, come Making A Murderer e The Keepers, ed esplora le conseguenze del gesto sconsiderato di qualcuno che vandalizza ben 27 auto nel parcheggio di una esclusiva e costosa scuola superiore, dipingendoci sopra dei peni. Nel corso della stagione, un aspirante documentarista, soprannominato Peter Maldanaldo (Tyler Alvarez), indaga sulla controversa e potenzialmente ingiusta espulsione di Dylan Maxwell (Jimmy Tatro), il disturbato studente senior accusato della vandalizzazione fallica.

Ma ecco il video dell’annnucio del ritorno di American Vandal con una nuova stagione nel 2018.

Per ogni notizia e aggiornamento sul mondo dello spettacolo, cinema, tv e libri, vi consigliamo di seguire la nostra pagina Facebook

Fonte: Deadline

About Andrea Sartor

Cresciuto a pane (ok, anche qualche merendina tipo girella o tegolino... you know what I mean... ) e telefilm stupidi degli anni 80 e 90, il mondo gli cambia con Milch, Weiner, Gilligan, Moffat, Sorkin, Simon e Winter. Ha pianto davanti agli uffici dell'HBO. Sogno nel cassetto: pilotare un Viper biposto con Kara Starbuck Thrace e uscire con Number Six (una a caso, naturalmente). Nutre un profondo rispetto per i ragazzi e le ragazze che lavorano duramente per preparare gli impagabili sottotitoli. Grazie ragazzi, siete splendidi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *