Home / News / News Serie TV / Cancellazioni e Rinnovi / Marco Polo: Netflix cancella lo show alla fine della seconda stagione
marco polo

Marco Polo: Netflix cancella lo show alla fine della seconda stagione

Marco Polo è giunto al termine. Netflix ha scelto di non rinnovare la serie drammatica che racconta la storia del famoso mercante del 13° secolo ed esploratore per una terza stagione. Marco Polo, lanciata nel 2014, è stata la prima serie originale Netflix sviluppata negli Stati Uniti per il mercato globale. Creato da John Fusco, è stato ispirato dai primi anni di Marco Polo alla corte di Kublai Khan. Per la collocazione e la portata, la serie, prodotta dalla Weinstein Co., aveva un budget elevato. Nella sua prima stagione la risposta del pubblico è stata molto buona, facendogli guadagnare un rinnovo per il secondo anno, nel quale, però, il successo e il seguito si sono affievoliti, tanto da arrivare alla decisione degli ultimi giorni.

Le dichiarazioni di Netflix su Marco Polo

marco polo“Vogliamo ringraziare e siamo grati ai nostri partner di Marco Polo, a partire dagli attori, le cui prestazioni sono state coinvolgenti e di alto livello, ai produttori, tra cui John Fusco, Dan Minahan, Patrick Macmanus, e la loro crew, che hanno buttato il cuore nella serie e, naturalmente, Harvey, David ed i nostri amici a TWC (The Weinstein Company n.d.r.), che sono stati grandi collaboratori dall’inizio alla fine “, ha detto Cindy Holland, vicepresidente di Netflix con delega ai contenuti originali.

The Weinstein Company

La Weinstein Company, che ha anche in produzione l’imminente drama sui Navy SEAL Six su History Channel, ha intensificato la sua posizione nel mondo televisivo con diversi ordini di serie di alto profilo, tra i quali due collaborazioni con Amazon, una per il progetto di David O. Russell con Robert De Niro e Julianne Moore, e l’altra per la nuova serie di Matt Weiner, così come la serie Waco per Spike con Taylor Kitsch e Michael Shannon.

“Netflix è stata incredibile nel darci spazio per fare una serie con un cast così diversificato. Si tratta di una rete coraggiosa che ti permette di fare cose nuove e che ti sostiene.”, ha detto Harvey Weinstein, co-presidente di The Weinstein Company.

Per ogni notizia e aggiornamento sul mondo dello spettacolo, cinema, tv e libri, vi consigliamo di seguire la nostra pagina Facebook

About Andrea Sartor

Cresciuto a pane (ok, anche qualche merendina tipo girella o tegolino... you know what I mean... ) e telefilm stupidi degli anni 80 e 90, il mondo gli cambia con Milch, Weiner, Gilligan, Moffat, Sorkin, Simon e Winter. Ha pianto davanti agli uffici dell'HBO. Sogno nel cassetto: pilotare un Viper biposto con Kara Starbuck Thrace e uscire con Number Six (una a caso, naturalmente). Nutre un profondo rispetto per i ragazzi e le ragazze che lavorano duramente per preparare gli impagabili sottotitoli. Grazie ragazzi, siete splendidi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *