Home / News / News Serie TV / Documentari / Icarus: trailer e data del documentario Netflix sul doping olimpico russo
icarus

Icarus: trailer e data del documentario Netflix sul doping olimpico russo

All’inizio di questo nuovo trailer di Icarus, documentario per Netflix, il regista Bryan Fogel chiede “Sei stato tu la mente dietro l’imbroglio delle Olimpiadi?”. Segue la risposta di una sola parola dello scienziato russo, il dottor Grigory Rodchenkov – “Sì” – e quindi va in scena l’esposizione di come il doping abbia truccato tutte le gare.

Icarus e il doping russo

icarusIcarus si è aggiudicato il Premio Orwell consgnatogli al Sundance Film Festival di quest’anno e il mese scorso ha aperto l’edizione del 2017 dell’AFI Docs fest di Washington DC. Il documentario ha inoltre vinto il premio del pubblico al recente Sundance Festival di Londra.

Lo show racconta l’indagine di Fogel nel mondo internazionale del doping sportivo. Un ciclista amatoriale, ha contattato Rodchenkov, apparentemente il capo del programma anti-doping della Russia, ma accusato di essere “al centro del programma doping olimpico sponsorizzato dalla Russia”, dice Netflix.

“Quando la verità è più complessa di quanto immaginato e le accuse di illegalità conducono alle più alte catene di comando della Russia”, spiega il servizio di streaming, “i due si rendono conto che hanno il potere di rivelare il più grande scandalo sportivo internazionale di cui ci sia memoria. Esemplificando il legame speciale tra regista e soggetto, questo è un ritratto vitale del sacrificio che alcune persone fanno per svelare la la verità. Icarus ti mette al centro di un gioco internazionale di gatti e topi, dove un errore di calcolo può costare la tua vita “.

Il documentario verrà trasmesso a livello globale da Netflix il 4 agosto e qui di seguito potete dare una prima occhiata al trailer:

Per ogni notizia e aggiornamento sul mondo dello spettacolo, cinema, tv e libri, vi consigliamo di seguire la nostra pagina Facebook

Fonte: Deadline

About Andrea Sartor

Cresciuto a pane (ok, anche qualche merendina tipo girella o tegolino... you know what I mean... ) e telefilm stupidi degli anni 80 e 90, il mondo gli cambia con Milch, Weiner, Gilligan, Moffat, Sorkin, Simon e Winter. Ha pianto davanti agli uffici dell'HBO. Sogno nel cassetto: pilotare un Viper biposto con Kara Starbuck Thrace e uscire con Number Six (una a caso, naturalmente). Nutre un profondo rispetto per i ragazzi e le ragazze che lavorano duramente per preparare gli impagabili sottotitoli. Grazie ragazzi, siete splendidi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *