Home / Netflix / Godless: ecco finalmente il trailer della serie western di Soderbergh
godless

Godless: ecco finalmente il trailer della serie western di Soderbergh

La chiusura di The Knick aveva aperto un vuoto che ora Godless prova a riempire, non nel senso che storia e ambientazioni possano essere similari, visto che il western forse richiama più Westworld, ma perché ritroveremo Soderbergh (premio Oscar per la regia di Traffic, 2001) alla creazione di una serie, la cui regia è affidata a Scott Frank (Out of Sight) e che debutterà a fine Novembre, andando a coincidere con il tanto amato (dagli americani) Thanksgiving Day.

Godless, trama e trailer

godlessLa serie di Soderbergh e Frank è ambientato nel 1884 e incentrata su Frank Griffin (Jeff Daniels, Newsroom), un fuorilegge minaccioso che sta terrorizzando il West, mentre dà la caccia Roy Goode (Jack O’Connell), il figlio del suo ex partner trasformato in mortale nemico. Mentre Roy si nasconde nel ranch di Alice Fletcher (Michelle Dockery, Downton Abbey), la caccia di Frank lo conduce alla tranquilla cittadina di La Belle, New Mexico, la cui popolazione è misteriosamente costituito interamente da donne.

Scott Frank dirigerà tutti e sette episodi della serie con Soderbergh che rimarrà nella veste di produttore esecutivo. Nel cast troviamo anche Scoot McNairy, Kim Coates, Merritt Wever e Sam Waterston.

Leggete anche: quanti mondi ci saranno nella prossima stagione di Westworld?

Il primo teaser trailer, “Welcome to No Man’s Land”, presenta una serie che è davvero molto più violenta e brutale rispetto alle aspettative che ci potevano essere, ma si propone anche come molto curata e con una certa profondità, e lo dimostra facendoci ascoltare anche anche una narrazione della poesia di Yehuda Halevi: “Tis a Fearful Thing to Love what Death has Touched” (“è una cosa paurosa amare ciò che la morte ha toccato“). Infatti! Guardate qui di seguito:

Godless verrà rilasciato da Netflix il 22 Novembre.

Per ogni notizia e aggiornamento sul mondo dello spettacolo, cinema, tv e libri, vi consigliamo di seguire la nostra pagina Facebook

Fonte: Collider

About Andrea Sartor

Cresciuto a pane (ok, anche qualche merendina tipo girella o tegolino... you know what I mean... ) e telefilm stupidi degli anni 80 e 90, il mondo gli cambia con Milch, Weiner, Gilligan, Moffat, Sorkin, Simon e Winter. Ha pianto davanti agli uffici dell'HBO. Sogno nel cassetto: pilotare un Viper biposto con Kara Starbuck Thrace e uscire con Number Six (una a caso, naturalmente). Nutre un profondo rispetto per i ragazzi e le ragazze che lavorano duramente per preparare gli impagabili sottotitoli. Grazie ragazzi, siete splendidi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *