Home / News / Black America racconta la storia alternativa dell’America post-schiavista 
Black America

Black America racconta la storia alternativa dell’America post-schiavista 

La nuova serie Black America vuole rivangare gli episodi più cupi della Storia americana, non per raccontarli, ma per distorcerli. Un secolo e mezzo dopo l’abolizione dello schiavismo, le ferite lasciate da uno dei periodi più tragici della storia degli Stati Uniti non si sono ancora chiuse. Lo hanno dimostrato le controversie suscitate dal recente annuncio della HBO riguardo l’uscita della serie Confederate, realizzata dai creatori di Games of Thrones David Benioff e D.B Weiss, che vogliono esplorare una timeline alternativa che segue la secessione degli stati del sud, nei quali la schiavitù è legale e evolve in una vera e propria istituzione moderna.

Black America racconta un’ucronia socio-politica

Black AmericaUn’altra serie che vuole portare sul piccolo schermo una visione alternativa della Storia, è stata elaborata dagli Amazon studios per più di un anno, e vuole dipingere la realtà del post distacco degli stati del sud dall’unione, ma con un approccio completamente diverso. Con il titolo di Black America, si forgia la nuova collaborazione di Will Parcker (Un poliziotto ancora in prova, Think like a man, Straight Outta Compton ) e di Aaron McGunder, vincitore del premio Peabody, creatore di The Boondocks e co-creatore di Black Jesus.

In questa nuova distorsione storica post ricostruzione, ovvero il periodo che segue la Guerra di Secessione, vediamo gli stati del sud (Louisiana, Mississippi e Alabama) concessi ai neo afro-americani liberati, come risarcimento in seguito allo schiavismo: con questa nuove terre, che prenderanno il nome di New Colonia, viene loro restituita la possibilità di essere padroni del proprio destino.

La nazione sovrana che vien a creasi mantiene però delle tumultuose – e spesso violente – relazioni con i propri imponenti vicini, al tempo alleati e nemici, gli Stati Uniti d’America. I 150 anni trascorsi sarebbero infatti testimoni d’incursioni militari, assassinii, cambiamenti di regime e colpi di stato.

In un presente ipotetico, dopo due decadi di pace con gli USA e in seguito ad una crescita senza precedenti, New Colonia è in pieno sviluppo, aggiungendosi così ai ranghi delle nazioni più industrializzate del mondo, mentre invece l’America slitta verso il un rapido declino. Pertanto, i destini delle due nazioni, inesorabilmente legate, restano indivisibili.

Gli sviluppi di Black America

L’idea di Packer e McGrunder risale agli inizi di febbraio. All’epoca il progetto non aveva ancora un titolo: i produttori non vollero svelare nessun dettaglio della trama se non che questa si sarebbe svolta in un universo alternativo, nello stile di The Man in the High Castle, cavallo di battaglia di Amazon.

Questo mese, in occasione del lancio della seria Confederate, la HBO ha incoraggiato il team di Black America a rendere pubbliche le premesse del progetto.”Ci sembrava il momento più appropriato per rendere partecipi il pubblico e la community creativa della presenza del progetto ma siamo ancora ben distanti dal vederne il termine”, ha dichiarato Packer.

Per ogni notizia e aggiornamento sul mondo dello spettacolo, cinema, tv e libri, vi consigliamo di seguire la nostra pagina Facebook

Fonte: Deadline

About Anna Mistrorigo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.