Home / Netflix / Black Mirror 4: la recensione del quinto episodio, Metalhead
Metalhead

Black Mirror 4: la recensione del quinto episodio, Metalhead

Continuano le recensioni di Intrattenimento.eu dei nuovi episodi che compongono la quarta stagione di Black Mirror. Siamo arrivati al penultimo, il quinto, intitolato Metalhead.

Black Mirror 4, Metalhead: sinossi

MetalheadIl quinto episodio della quarta stagione di Black Mirror è ambientato in una Scozia disabitata e desolante. Tre persone si mettono alla ricerca di un qualcosa di non meglio definito che si trova all’interno di un magazzino abbandonato. Lì dentro si nasconde un pericolosissimo robot che ha le sembianze di un cane e che non darà un secondo di tregua ai tre malcapitati.

Black Mirror 4, Metalhead: sinossi

Metlhead rappresenta per Black Mirror una doppia novità. La prima riguarda il genere, il post-apocalittico. La seconda è la tecnica del bianco-nero, probabilmente usata per dare un’identità ben precisa ad un episodio che non lascia spazio al colore, quello della speranza, e che fa propri scenari cupi e tetri.

MetalheadE’ chiaro fin da subito come Charlie Broker attinga a pieni mani al cinema di genere (Terminator e Mad Max su tutti) per costruire con Metalhead un survival-movie che si traveste a volte da horror e a volte da splatter. L’episodio più corto di questa quarta stagione (40 minuti scarsi di durata) è forse anche uno dei più deboli di sempre perché privo di quello spessore con il quale Black Mirror ha saputo mettere in risalto il più delle volte il rapporto che lega l’essere umano alla tecnologia e a definirne i contorni. Qui abbiamo a che fare con un thriller basico, poco avvincente, che non presenta particolari guizzi o colpi di scena nella trama. Nulla può una seppur brava Maxine Peake che regge da sola con i suoi sguardi, i suoi silenzi e i suoi gemiti più di tre quarti d’episodio. Degna di merito, invece, l’ottima direzione dell’episodio da parte di David Slade, nome ambito in ambito televisivo. Se l’episodio, con la sua prevedibilità, non annoia mai del tutto lo si deve in particolare alle sue prodezze registiche.

Non basta a salvare l’episodio un finale dove Broker gioca la carta dell’umanità in un mondo completamente allo sbando, dove anche quelli che un tempo venivano considerati i migliori amici dell’uomo sono diventati il principale pericolo. Un invito a non perderla mai, l’umanità, a coltivarla anche quando l’ambiente in cui viviamo ci è avverso. Lodevoli premesse per un risultato mediocre.

Black Mirror - Metalhead

Valutazione globale - 5

5

Deludente

User Rating: 1.65 ( 2 votes)

Black Mirror 4, Metalhead: giudizio in sintesi

MetalheadNon convince mai del tutto il quinto episodio della quarta stagione di Black Mirror, Metalhead. La lotta per la sopravvivenza del personaggio interpretato da Maxine Peake, in quella che sembra essere una Scozia post-apocalittica, non appassiona per una narrazione alquanto prevedibile. La nota positiva è l’ottima regia di David Slade. Forse l’episodio più debole della nuova stagione.

Per ogni notizia e aggiornamento sul mondo dello spettacolo, cinema, tv e libri, vi consigliamo di seguire la nostra pagina Facebook

About Daniele Marseglia

Ricordo come se fosse oggi la prima volta che misi piede in una sala cinematografica. Era il 1993, film: Jurrasic Park. Da quel momento non ne sono più uscito. Il cinema è la mia droga.

One comment

  1. Questo episodio, in effetti, sembra più un esercizio di stile. Fatto bene, avvincente, con ritmo e ottimi effetti speciali ma niente di più. Il finale amaro alla black mirror non riscatta la complessiva superficialità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *