Home / News / Suicide Squad: le prime recensioni americane
Suicide Squad

Suicide Squad: le prime recensioni americane

È senza ombra di dubbio uno dei film più attesi dell’anno e il carico che si porta dietro, a volte, può giocare brutti scherzi. Stiamo parlando di Suicide Squad, tratto dai fumetti della DC Comics e diretto da David Ayer (Fury), che al suo debutto nelle proiezioni stampa americane riservate dai giornalisti ha ricevuto critiche molto dure.

Un film tutto fumo e poco arrosto

Suicide SquadPer l’Hollywood Reporter, “è un film che non diventa mai cool come crede di essere. Suicide Squad riunisce tanti cattivi insieme e poi non sa cosa fargli fare“. Rincara la dose Groucho Reviews: “non è un film adatto ai bambini ma gli adulti ugualmente si annoieranno. Ad alcuni appassionati dei fumetti potrà piacere, ma Suicide Squad è tutto fumo e niente arrosto.

Delusione anche per il Joker di Leto

Delusione anche per il Joker interpretato da Jared Leto. Per Screencrushil Joker si vede poco e quasi sempre in dei flashback di una sottotrama che poteva essere rimossa senza alcun tipo di conseguenza sulla trama principale […]. Anche il Batman di Ben Affleck appare pochissimo“.

Ma c’è chi lo promuove

Fuori dal coro la voce di ComicBook.com per il quale “il film è divertente e pieno d’azione che i fan della DC aspettavano da tempo”, mentre per Empire “il film dona nuova vita all’universo DC sul grande schermo.

Per il momento le recensioni americane pendono più dalla parte del “bocciato” che da quella del “promosso”, facendo segnare un misero 35% sul sito RottenTomatoes.

Il regista risponde alle critiche

In attesa di scoprire cosa ne penserà la stampa italiana, dove il film è atteso per il 13 agosto, il regista David Ayer ha risposto a suo modo, su Twitter, alle critiche americane al film:

Preferisco morire in piedi che vivere in ginocchio.

Fonte: RottenTomatoes

Per ogni notizia e aggiornamento sul mondo dello spettacolo, cinema, tv e libri, vi consigliamo di seguire la nostra pagina Facebook

About Daniele Marseglia

Ricordo come se fosse oggi la prima volta che misi piede in una sala cinematografica. Era il 1993, film: Jurrasic Park. Da quel momento non ne sono più uscito. Il cinema è la mia droga.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.