Home / News / True Detective: a Matthew McConaughey manca Rust Cohle
TRUE DETECTIVE

True Detective: a Matthew McConaughey manca Rust Cohle

Se siete fan di True Detective e vi mancano le riflessioni cervellotiche di un baffuto detective della omicidi, non siete soli. Mercoledì scorso, Matthew McConaughey ha confessato che anche a lui manca il suo personaggio tanto che avrebbe preso in considerazione di riprendere il ruolo del vecchio Rusty.

“Mi manca Rust Cohle” ha ammesso McConaughey a DirecTV. “Mi manca vederlo in True Detective la domenica sera.”

rustyIl sentimento non solo è condiviso dagli spettatori della prima stagione di True Detective, ma anche dalla HBO, che ha esaminato le recensioni disastrose della seconda stagione del dramma di Nic Pizzolatto, con Rachel McAdams, Vince Vaughn e Colin Farrell, che non è riuscita ad avvicinarsi alla qualità della prima. Infatti il feedback per la seconda stagione era così preoccupante che viene riferito che la HBO abbia accettato di concedere allo spettacolo una terza stagione solo se Pizzolatto cambierà il modo in cui gestisce la serie.

Pizzolatto e la HBO sono presumibilmente alla ricerca di una terza stagione che possa far rinascere lo show e McConaughey ha fatto capire che lui è disponibile a parlare del suo ritorno, nonostante il formato antologico dello show.

“Dovrebbero esserci il contesto giusto, il modo giusto”

Continua McConaughey “Quella cosa come quando ho letto la sceneggiatura della prima stagione e sapevo in 20 minuti che potevo farlo. Rustin Cohle, ci sto.”

true detectiveE perché è McConaughey ha così tanta voglia di tornare al personaggio disturbato, che gli è valso una nomination agli Emmy? A quanto pare esplorare il personaggio di Rust gli ha portato, stranamente,  molta gioia.

“Sono stato un uomo felice quando ho fatto per sei mesi questo show, perché ero sulla mia isola”, ha detto il premio Oscar. “Per fortuna mia moglie è con me in questa idea.”

Lo scorso gennaio, il presidente dell’HBO Michael Lombardo s’è preso la colpa per aver spinto Pizzolatto, che ha scritto ogni episodio della serie, a sfornare la seconda stagione troppo in fretta. “L’ho pressato per consegnare, in un brevissimo lasso di tempo, qualcosa che era molto impegnativo fare”, ha detto Lombardo. “Quindi quello che ho imparato è di non farlo più.”

Che sia ora di tirare fuori le bottiglie e festeggiare il ritorno di Rust? O è troppo presto?

Per ogni notizia e aggiornamento sul mondo dello spettacolo, vi consigliamo di seguire la nostra pagina Facebook

About Andrea Sartor

Cresciuto a pane (ok, anche qualche merendina tipo girella o tegolino... you know what I mean... ) e telefilm stupidi degli anni 80 e 90, il mondo gli cambia con Milch, Weiner, Gilligan, Moffat, Sorkin, Simon e Winter. Ha pianto davanti agli uffici dell'HBO. Sogno nel cassetto: pilotare un Viper biposto con Kara Starbuck Thrace e uscire con Number Six (una a caso, naturalmente). Nutre un profondo rispetto per i ragazzi e le ragazze che lavorano duramente per preparare gli impagabili sottotitoli. Grazie ragazzi, siete splendidi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.