Home / News / News Libri / Narrativa / Ritorno alle terre selvagge di Francesco Lotta: sulle strade di Into the Wild
ritorno alle terre selvagge

Ritorno alle terre selvagge di Francesco Lotta: sulle strade di Into the Wild

 ritorno alle terre selvaggeAutore: Francesco Lotta
Titolo: Ritorno alle terre selvagge
Editore: Sperling & Kupfer
Pagine: 208
Costo: 16,90 Euro
Uscita: 27 Marzo 2018

Ritorno alle terre selvagge di Francesco Lotta. Il ghiaccio, gli orsi, il mitico bus 142, gli incontri tra i boschi: storia di un viaggio che cambia la vita.

Ritorno alle terre selvagge

ritorno alle terre selvaggeInquieto e alla ricerca di qualcosa: è per questo che Frank parte per l’Alaska, ripercorrendo la strada di Christopher McCandless, indimenticabile protagonista di Into the Wild, diventato il simbolo della libertà assoluta.

In questo libro intenso, Frank diventa la voce di tutti coloro a cui la vita va stretta e che cercano, confusamente ma ostinatamente, la propria strada.

Frank attraversa il fiume che separa la civiltà dalle terre selvagge e si immerge nei boschi per raggiungere il pullmino che ospitò Chris.

La spedizione, che doveva essere solitaria, si rivela densa di incontri con avventurieri, studenti e, finalmente, con se stesso. Se non trovi quello che vuoi, vallo a cercare.

Francesco Lotta

Francesco «Frank» Lotta, dopo una lunga gavetta nelle radio pugliesi, nel 2010 viene scelto da Linus come conduttore per Radio Deejay. Il cammino di Santiago, fatto nel 2013, lo ha spinto a creare Deejay On the road, la sua trasmissione (giunta alla terza edizione) nella quale racconta la parte più intima ed emozionante dei lunghi viaggi in solitaria. Da allora è stato sullo Stampede Trail in Alaska e nel deserto del Wadi Rum in Giordania, ha percorso l’Islanda in moto e l’Australia in bicicletta. Tra uno spostamento e l’altro prova ad andare in onda, ovviamente su Radio Deejay.

Per ogni notizia e aggiornamento sul mondo dello spettacolo, cinema, tv e libri, vi consigliamo di seguire la nostra pagina Facebook

Fonte: Ufficio Stampa Sperling & Kupfer

About Andrea Sartor

Cresciuto a pane (ok, anche qualche merendina tipo girella o tegolino... you know what I mean... ) e telefilm stupidi degli anni 80 e 90, il mondo gli cambia con Milch, Weiner, Gilligan, Moffat, Sorkin, Simon e Winter. Ha pianto davanti agli uffici dell'HBO. Sogno nel cassetto: pilotare un Viper biposto con Kara Starbuck Thrace e uscire con Number Six (una a caso, naturalmente). Nutre un profondo rispetto per i ragazzi e le ragazze che lavorano duramente per preparare gli impagabili sottotitoli. Grazie ragazzi, siete splendidi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *