Home / News / Lena Dunham: l’energia femminile che ha reso Girls possibile
Girls

Lena Dunham: l’energia femminile che ha reso Girls possibile

Girls in conversazione al New York Television Festival

Dalla sua rappGirlsresentazione eccentrica della nudità alla femminilità delle millennial e al terrorizzare gli spettatori con un cotton fioc, Girls è stato al centro del dibattito culturale dal suo debutto, nel 2012. Per cercare di capirne il perchè, la creatrice e star Lena Dunham e la produttrice Jenni Konner, hanno parlato della serie in una conversazione chiave al New York Television Festival, con Willa Paskin di Slate come moderatrice.

A Dunham e Kenner si è unita la vice-presidentessa della programmazione originale di HBO, Kathleen McCaffrey, che, da assistente, mise Dunham in contatto con HBO durante la genesi della serie. Durante l’evento, Dunham, Konner e McCaffrey hanno ricordato i primi tempi dello show, le controversie che ha dovuto attraversare, e la prossima, e ultima, sesta stagione.

Girls: l’energia femminile in televisione, dal 2012 ad oggi

Alla domanda: “Sarebbe possibile creare Girls nel 2016?”, tutte e tre erano in dubbio, accreditando tango del successo di Girls ad un allineamento astrale.

“L’anno in cui Girls ha debuttato, è l’anno in cui hanno debuttato anche New Girl e Two Broke Girls, e dopo ci sono state Mindy, e Amy Schumer e Broad City,” ha commentato Dunham. “Stava succedendo qualcosa, e poi, all’improvviso c’è stata un’ondata di energia femminile in televisione. Ci è sembrato che stesse succedendo tutto contemporaneamente.”

“Adesso è tutto molto più competitivo,” ha aggiunto McCaffrey. “Penso ci sia più strategia e meno “Proviamo a dare una possibilità a questa idea.” È più un: “Come facciamo a far sfondare questa serie?” McCaffrey ha anche precisato che il panorama televisivo è cambiato da Girls.

Girls e la sua creatrice: le critiche a Lena DunhamGirls

E nonostante la serie abbiamo ricevuto critiche consistenti, sia buone che cattive, Dunham ha ricevuto parecchia attenzione per le sue dichiarazioni provocatorie nel corso degli anni.

“Il suo motto è vivi e impara,” ha detto Konner. “Potrebbe dire cose che possono suonare avventate, e la gente le sentirà e dirà: “Questo è ciò che trovo sbagliato in quello che hai detto,” e lei considererà quel commento attentamente, chiedendo un’opinione ad altre persone nel suo mondo, e, infine, si scuserà per ciò che ha detto, oppure no.”

“Devo lavorare duramente per separare le critiche che ricevo per aver osato mettere a nudo il mio corpo e le opinioni che ho come una donna non tradizionalmente hollywoodiana, che è politicamente attiva e favorevole all’aborto,” ha detto Dunham. Ma l’attrice ascolta le critiche realmente valide.

Girls: le critiche alla serie

Riguardo all’impatto dello show, il trio è d’accordo sul fatto che il dibattito costante sulla serie sia una cosa positiva. Nonostante i rating relativamente bassi, Girls ha continuato ad essere rilevante per tutta la sua durata su HBO. Secondo Konner, il fatto che alcuni spettatori siano furiosi con la serie è meglio di una mancanza totale di reazioni.

“Recentemente ho detto di non voler mai più vedere un poster con quattro ragazze bianche,” ha detto Dunham in risposta alla mancanza di diversità nella serie, una critica che ha seguito lo show fin dall’inizio. “É una critica che abbiamo davvero assorbito e della quale ci importa, è sicuramente qualcosa che faremmo diversamente se dovessimo fare un altro Girls.”

Girls: una serie fedele a se stessa

Girls iniziò come una piccola produzione, e HBO voleva mantenere l’integrità della storia di Dunham e onorare il suo lavoro senza imposizioni creative.

“Uno dei compiti dello scrittore è, in qualche modo, quello di andare oltre al mondo che vediamo e porsi domande più grandi per provare a riflettere il mondo che vorremmo vedere,” ha aggiunto Dunham. Nonostante le critiche alla serie, McCaffrey puntualizza che Girls rimane una delle poche serie televisive con due showrunner donne, e avere una serie HBO scritta, creata e con un cast formato da donne è sicuramente un traguardo.

Girls: l’ultima stagione e il futuro

Riguardo alla prossima stagione, lo scopo principale di Dunham e Konner è quello di avere una Girlsconclusione per ogni storia e personaggio, portando ad una conclusione solida della serie. Parlando della preoccupazione di non creare qualcosa di altrettanto buono nelle loro carriere, Konner e Dunham hanno risposto che si sono sentite così dopo ogni episodio.

“Pensavo, ‘Abbiamo avuto una splendida giornata ieri. Domani non andrà così bene.’ Quella sorta di mentalità catastrofica.” ha detto Dunham. “Non ho mai pensato, ‘Abbiamo girato benissimo per tre giorni, non vedo l’ora di avere altri tre giorni perfetti.”

“Preghiamo per poter essere come Tina Fey,” ha aggiunto Konner.

Per ogni notizia e aggiornamento sul mondo dello spettacolo, cinema, tv e libri, vi consigliamo di seguire la nostra pagina Facebook

Fonte: Indiewire

About Irene Olivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.