Home / News / Fangirl: Rainbow Rowell racconta il mondo delle fanfiction
rainbow rowell fangirl

Fangirl: Rainbow Rowell racconta il mondo delle fanfiction

fangirl coverAutore: Rainbow Rowell
Titolo: Fangirl
Editore: Piemme
Pagine: 516
Costo: 17,00
Uscita: ottobre


Rainbow Rowell con Fangirl entra nel mondo delle fanfiction e ci racconta di una ragazza e del suo spirito “creativo” nei turbolenti anni della crescita e dell’Università. Amori ma non solo.

Fangirl, presentazione

Approdata all’università, dove la sua gemella Wren vuole solo divertirsi tra party, alcool e ragazzi, la timidissima Cath si trova sola per la prima volta e si rinchiude nella sua stanza a scrivere la fanfiction di cui migliaia di fan attendono il seguito. Ma una compagna di stanza scontrosa con un ragazzo carino che le sta sempre intorno, una professoressa di scrittura creativa che pensa che le fanfiction siano solo un plagio e un compagno bellissimo che vuole lavorare con lei, obbligheranno Cath ad affrontare la sua nuova vita.

Rainbow Rowell

fangirl coverLa Rowell si chiama Rainbow perché i genitori erano hippie e si è laureata in giornalismo perché, “quando le uniche due cose che ti riescono bene sono leggere e scrivere, se vuoi anche un’assicurazione sanitaria non ti resta che studiare da giornalista”. Vive in Nebraska con il marito e i due figli e cura una rubrica di costume e cultura pop sull’Omaha World-Herald. Il suo primo romanzo, Per l’@more basta un clic, ha ricevuto un consenso unanime di pubblico e critica negli USA e in UK: “Miglior esordio del 2011” per il Kirkus Reviews; “Libro dell’estate 2011” per Entertainment Weekly; selezione “Scopri i nuovi talenti” delle librerie Barnes & Noble. Per una volta nella vita è stato segnalato da Amazon tra i migliori libri del 2013 e ha ottenuto 14.000 giudizi su Goodreads, il più popolare forum di lettori.

Per ogni notizia e aggiornamento sul mondo dello spettacolo, cinema, tv e libri, vi consigliamo di seguire la nostra pagina Facebook

Fonte: Ufficio Stampa Piemme

About Andrea Sartor

Cresciuto a pane (ok, anche qualche merendina tipo girella o tegolino... you know what I mean... ) e telefilm stupidi degli anni 80 e 90, il mondo gli cambia con Milch, Weiner, Gilligan, Moffat, Sorkin, Simon e Winter. Ha pianto davanti agli uffici dell'HBO. Sogno nel cassetto: pilotare un Viper biposto con Kara Starbuck Thrace e uscire con Number Six (una a caso, naturalmente). Nutre un profondo rispetto per i ragazzi e le ragazze che lavorano duramente per preparare gli impagabili sottotitoli. Grazie ragazzi, siete splendidi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.