Home / News / Café Society sbanca in America
Café Society

Café Society sbanca in America

Il nuovo film di Woody Allen Café Society presentato allo scorso festival di Cannes sembra essere piaciuto molto al pubblico statunitense. Ormai Woody Allen è abituato al successo altalenante della sua inarrestabile creatività. E d’altra parte il pubblico è anche abituato a vedere qualche scivolone da parte sua, tra un bel film e l’altro…

Un regista in ripresa…?

Café Society ha debuttato questo weekend nei cinema di Los Angeles e di New York. Gli incassi sono stati i più alti dell’anno e i suoi migliori dai tempi di Blue Jasmine (2013). Tra un successo e l’altro ha conosciuto anche di recente delle fasi calanti. Il discorso comprende gli ultimi suoi due Irrational Man e Magic in the Moonlight, assai poco apprezzati. Un altro successo era stato Midnight in Paris, una commedia brillante e divertente. Insomma, Allen rimane il regista indipendente più prolifico e abituato ai cambi di rotta del successo, ma sembra non perdere mai la voglia di lavorare.

A proposito di Café Society

Café SocietyCafé Society è senza dubbio stato aiutato da un’ottima campagna pubblicitaria e da buone recensioni. Spiccano le valutazioni di Rotten Tomatoes e gli interessi degli Amazon Studios. Una rampa di lancio favorevole per un nuovo film ambientato di nuovo nel passato. Si tratta infatti di una commedia romantica ambientata nella Hollywood degli anni ’30, con protagonisti Jesse Eisenberg e Kristen Stewart. A tal proposito è bene ricordare che per la Stewart Café Society è stato il secondo film presentato nel weekend in America, dopo Equals. Entrambi le pellicole sembrano essere dunque state una buona scelta per l’attrice, finalmente (?) disfattasi del personaggio di Twilight.

Aspettiamo dunque di poter formulare anche noi un giudizio su Café Society, che uscirà nelle sale italiane il 29 settembre.

Per ogni notizia e aggiornamento sul mondo dello spettacolo, cinema, tv e libri, vi consigliamo di seguire la nostra pagina Facebook.

About Bianca Friedman

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.