Home / News / News Libri / Narrativa / Il giorno in cui ho imparato a volermi bene di Serge Marquis
serge marquis giorno

Il giorno in cui ho imparato a volermi bene di Serge Marquis

 serge marquis giornoAutore: Serge Marquis
Titolo: Il giorno in cui ho imparato a volermi bene
Editore: Sperling & Kupfer
Pagine: 266
Costo: 16,90 Euro
Uscita: 16 Gennaio 2018

Serge Marquis, psichiatra specializzato in disturbi da stress, scrive una parabola moderna che ci invita a liberarci degli atteggiamenti che avvelenano la vita. La lettura ideale per iniziare il nuovo anno con i buoni propositi.

Il giorno in cui ho imparato a volermi bene

serge marquis giornoMaryse, illustre neuropediatra, è una donna bella e intelligente, ma terribilmente narcisistica e convinta di aver sempre ragione. È anche madre di Charlot, un bambino singolare, che sa meravigliarla ed esasperarla al tempo stesso. Come una sorta di Piccolo Principe, Charlot è capace di disarmarla con domande sulle verità più essenziali e meno afferrabili: la felicità, il senso della vita e dell’amore.

Grazie a Charlot e ai suoi quesiti, Maryse imparerà a spogliarsi delle certezze inossidabili, a smettere di guardarsi l’ombelico, a mollare l’ansia del controllo e lasciarsi andare alla vera gioia – quella che si raggiunge solo con l’intelligenza del cuore.

Serge Marquis

Serge Marquis, nato in Québec nel 1953, è uno psichiatra specializzato nel trattamento dei disturbi da stress, burnout e logorio psicologico nei luoghi di lavoro. Nel 1995 ha fondato l’associazione T.O.R.T.U.E. (Organisation pour Réduire les Tensions et l’Usure dans les Enterprises). È autore di vari libri, tra cui il bestseller internazionale Ferma il criceto che hai in testa! (Bur, 2016).

Per ogni notizia e aggiornamento sul mondo dello spettacolo, cinema, tv e libri, vi consigliamo di seguire la nostra pagina Facebook

Fonte: Ufficio Stampa Sperling & Kupfer

About Andrea Sartor

Cresciuto a pane (ok, anche qualche merendina tipo girella o tegolino... you know what I mean... ) e telefilm stupidi degli anni 80 e 90, il mondo gli cambia con Milch, Weiner, Gilligan, Moffat, Sorkin, Simon e Winter. Ha pianto davanti agli uffici dell'HBO. Sogno nel cassetto: pilotare un Viper biposto con Kara Starbuck Thrace e uscire con Number Six (una a caso, naturalmente). Nutre un profondo rispetto per i ragazzi e le ragazze che lavorano duramente per preparare gli impagabili sottotitoli. Grazie ragazzi, siete splendidi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *