Home / Netflix / She’s gotta have it: assegnato il ruolo che fu di Spike Lee

She’s gotta have it: assegnato il ruolo che fu di Spike Lee

Netflix ha trovato il nuovo interprete per il ruolo che fu di Spike Lee nella nuova serie in lavorazione che si basa sul film del regista newyorchese.

Sarà, infatti, Anthony Ramos, la star di Hamilton ad interpretare il nuovo Mars Blackmon, in She’s Gotta Have It, remake della pellicola di Lee del 1985.

She’s Gotta Have It

Spike LeeCome nel film originale, la serie, che ha ottenuto un ordine per 10 episodi, si concentrerà su Nola Darling, un’artista di Brooklyn che, giunta verso la fine dei suoi vent’anni e sulla soglia fatidica dei trenta, lotta per definire se stessa mentre cerca di dividere il suo tempo tra l’arte, i suoi amici. il lavoro e i suoi tre amanti: Greer Child, il modello culturale, Jamie Overstreet, il banchiere che lavora in un fondo d’investimento, e, appunto, Mars Blackmon, membro di una band hip-hop, parte del movimento culturale Sneakerhead, nato alla fine degli anni 80 che coniugava basket e hip-hop.

Spike Lee

Spike Lee dirigerà tutti e 10 gli episodi e sarà anche produttore esecutivo della serie, con la moglie Tonya Lewis Lee. La fama di Spike Lee, come regista cinematografico, si deve a capolavori di fine anni 80, inizio 90 come Fai la cosa giusta, Malcom X, Girl 6, He got the game, Summer of Sam. 

Passato il giro di boa del millennio, la sua scrittura si fa più sofisticata e sforna altre opere che rimangono impresse a tutti gli amanti del grande cinema, come La 25a ora, Inside Man. 

Nello spettacolo teatrale di Brodway, Hamilton, Ramos interpreta John Laurens nel primo atto, mentre nel secondo interpreta Philip, il figlio di Alexander Hamilton.

She’s Gotta Have It dovrebbe esordire nel corso del 2017, sulla piattaforma digitale Netflix.

Per ogni notizia e aggiornamento sul mondo dello spettacolo, cinema, tv e libri, vi consigliamo di seguire la nostra pagina Facebook

Fonte: TVLine

About Andrea Sartor

Cresciuto a pane (ok, anche qualche merendina tipo girella o tegolino... you know what I mean... ) e telefilm stupidi degli anni 80 e 90, il mondo gli cambia con Milch, Weiner, Gilligan, Moffat, Sorkin, Simon e Winter. Ha pianto davanti agli uffici dell'HBO. Sogno nel cassetto: pilotare un Viper biposto con Kara Starbuck Thrace e uscire con Number Six (una a caso, naturalmente). Nutre un profondo rispetto per i ragazzi e le ragazze che lavorano duramente per preparare gli impagabili sottotitoli. Grazie ragazzi, siete splendidi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *