Home / Festival del Cinema / Certain Women di Kelly Reichardt vince il 60° London Film Festival
London Film Festival

Certain Women di Kelly Reichardt vince il 60° London Film Festival

Il BFI London Film Festival compie 60 anni

Il meglio dell’industria cinematografica del Regno Unito si è riunita sabato sera per la cerimonia conclusiva deLondon Film Festival l 60° London Film Festival, organizzato dal British Film Institute, alla Banqueting House di Londra.

In questa edizione del festival Steve McQueen ha ricevuto la prestigiosa BFI Fellowship ed è stato premiato dall’amico e collaboratore Michael Fassbender.

London Film Festival 2016: Certain Women, Raw e Starless Dreams trionfano

London Film Festival La penultima serata del festival, della durata complessiva di 12 giorni, ha visto protagonista Certain Women diretto da Kelly Reichardt e con protagoniste Kristen Stewart, Laura Dern e Michelle Williams. Il film, già un grande successo all’ultimo Sundance, ha vinto il premio come Miglior Film nell’Official Competition, premio annunciato dalla presidentessa di giuria Athina Rachel Tsangair, il cui film Chevalier aveva trionfato nell’edizione precedente. Altri premi sono stati attribuiti a Raw, horror francese sul cannibalismo, diretto da Julia Ducournau, che si è aggiudicato il Sutherland Award come migliore opera prima, e a Starless Dreams del regista iraniano Mehrdad Oskouei, che ha vinto il Grierson Award come miglior documentario.

Michael Sheen è stato il conduttore della serata, mentre Alicia Vikander, Lily James, Anna Friel e David Tennant hanno presentato i singoli premi.

London Film Festival 2016: Steve McQueen e la BFI Fellowship

London Film FestivalLa cerimonia si è conclusa con una standing ovation per Steve McQueen.

Josh Berger, executive di Warner Brothers, ha partecipato per la prima volta nella veste di presidente del BFI, ed ha descritto McQueen come “uno dei registi e artisti più influenti degli ultimi 25 anni,” mentre Michael Fassbender l’ha definito un “provocatore, voyeur, un londinese e un tipo,” aggiungendo di ritenersi fortunato ad aver lavorato “sotto la tutela di uno dei più grandi del cinema.”

Nell’accettare la BFI Fellowship McQueen ha attribuito il successo della sua carriera ad un’educazione universitaria gratuita, che gli ha permesso di sperimentare il proprio campo e che ha aperto le porte proprio a lui, un ragazzo della classe operaia.

“Ho avuto questa libertà perchè la società me l’ha permesso. Sembra che quella libertà venga lentamente estirpata. È nostro dovere combattere per tenere aperte quelle porte.”

Il London Film Festival si è concluso domenica con la premiere europea di Free Fire di Ben Wheatley.

Per ogni notizia e aggiornamento sul mondo dello spettacolo, cinema, tv e libri, vi consigliamo di seguire la nostra pagina Facebook

Fonte: Hollywood Reporter

About Irene Olivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *