Home / Netflix / Le terrificanti avventure di Sabrina 3: la recensione della terza parte
Kiernan Shipka in Sabrina 3

Le terrificanti avventure di Sabrina 3: la recensione della terza parte

Disponibile nel catalogo Netflix la terza parte de Le terrificanti avventure di Sabrina con Kiernan Shipka e Ross Lynch.

Le terrificanti avventure di Sabrina 3: la trama

La terza stagione inizia con la protagonista ancora scossa dagli eventi orribili delle puntate precedenti. Anche se è riuscita a sconfiggere suo padre Lucifero, il Signore oscuro resta imprigionato nel corpo di Nicholas Scratch, fidanzato di Sabrina. Lei non riesce a darsi pace, sapendo che Nick ha compiuto il sacrificio supremo e ora soffre le fiamme dell’inferno sotto lo sguardo attento di Madame Satan. Così, con l’aiuto della “Compagnia di Sabrina” (composta da Harvey, Rosalind e Theo), la nostra beniamina s’impegna in una missione per liberare l’amato dalla dannazione eterna e riportarlo tra le sue braccia. Lo spodestamento del Signore oscuro ha però sconvolto i regni e Sabrina deve assumere il titolo di “regina” per difendere il trono vacante da un pretendente, l’incantevole Caliban, principe degli inferi. Nel frattempo a Greendale arriva un misterioso luna park che porta in città una tribù di pagani intenzionata a resuscitare un male antico. Ecco una nuova fonte di pericolo per gli Spellman e la congrega…

Le terrificanti avventure di Sabrina 3: le nostre impressioni

Kiernan Shipka in Sabrina 3

Chi non ricorda la famosa serie di Sabrina vita da strega, basata sulle storie a fumetti di Archie Comics, uscita in Italia nel 1998 e successivamente divenuta una serie andata in onda su Mediaset. La serie, adattata per un pubblico più giovane, ci ha fatto innamorare di ogni singolo personaggio, da Sabrina (Melissa Joan Hart), alle esuberanti zie (Caroline Rhea e Beth Broderik), fino al giovane e spensierato amore tormentato di Sabrina, Harvey (Nate Richert), e come dimenticarci del caro e vecchio Salem, l’ex stregone costretto a trascorrere i suoi domiciliari in casa Spellman sotto sembianze di un simpatico gatto nero.            
All’interno delle quattro stagioni del remake Le terrificanti avventure di Sabrina possiamo ritrovare vecchi e nuovi amici, personaggi con delle interessanti storie alle spalle, dei quali sarà possibile sin da subito iniziare a costruire una connessione emotiva. Sono state evidenziate caratteristiche caratteriali nei personaggi talmente accurate e al contempo diverse, che hanno saputo amalgamarsi perfettamente nonostante le loro divergenze, sottolineando uno stile di pensiero fresco ed elastico.

Una scena della terza parte di Sabrina

                                 
        L’inizio della terza, e tanto attesa, stagione ci porta letteralmente sin da subito negli inferi, dove avremo modo di incontrare vecchie conoscenze apparse nelle precedenti. Ricordate Lilith? Non è ben chiaro ancora il legame che ha con Sabrina, amicizia? Odio? Tolleranza? Il cambio di registro su alcuni personaggi ci potrebbe lasciare interdetti ma, alla fine, risulta essere una componente dinamica essenziale per non annoiarsi. I nuovi antagonisti sono ben pensati, banale invece è il ruolo che uno di loro avrà nel corso della storia, anche se tenterà più volte il famoso colpo di scena per sviare l’attenzione. Confusionario risulta essere il personaggio Theo, il quale sembrava avesse trovato una sua strada verso il ritrovamento di se stesso, ma a quanto pare c’è qualcosa di più profondo nel suo ruolo.                                                        
        Tutta la terza stagione risulta scorrere fluida e sufficientemente intrigante, un episodio tira l’altro, non facendo mancare componenti piccanti a rendere brioso il legame tra alcuni vecchi e nuovi personaggi, per non parlare dell’uscita di scena per alcuni di loro. Torneranno magicamente nella prossima stagione? Non ci è dato ancora saperlo.     

Le Terrificanti avventure di Sabrina 3

Valutazione globale - 6.5

6.5

Spettrale

User Rating: 0.75 ( 1 votes)

Le terrificanti avventure di Sabrina 3: un giudizio in sintesi

Possiamo ritenere questa penultima stagione permeata da retroscena accattivanti e terrificanti, quanto basta esoterici da farci appassionare al tema. Apprezzato il fatto che siano inseriti ritagli a sfondo omosessuale, come nelle precedenti, che ci trascina fuori da uno schema già preesistente e riproposto, con un messaggio di sfondo molto importante.                                                                                     
        Non cercate di trarre conclusioni affrettate ne Le terrificanti avventure di Sabrina, perché tutto ciò che tenterete di capire, potrà magicamente mutare. Buona terrificante visione.

Seguici anche su Facebook!

About Antony Magnavacchi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *