Home / News / The Good Wife: lo spinoff arriverà a Febbraio coi Kings alle redini
good wife

The Good Wife: lo spinoff arriverà a Febbraio coi Kings alle redini

Lo spinoff di The Good Wife arriverà nel 2017, per la precisione a Febbraio e alle redini, anche formalmente, abbiamo delle vecchie conoscenze.

Lo spinoff che avrà nel suo cast Christine Baranski (Diane) e Cush Jumbo (Lucca) arriverà prima del previsto, con un pilot che verrà trasmesso sulla CBS a Febbraio 2017, per poi essere seguito dal resto della serie che verrà trasmessa su CBS All Acess. La decisione arriva in concomitanza all’annuncio sempre da parte di CBS si spostare il ritorno di Star Trek da gennaio a maggio.

La buona notizia per i fan si accompagna all’annuncio ufficiale per il quale i coniugi Robert e Michelle King  saranno formalmente gli showrunner della nuova serie Phil Aiden Robinson che ha contribuito alla scrittura del pilot, invece, non sarà parte del team creativo per il resto della stagione

The Good Wife: lo spinoff

good wifeConsiderando quindi che i Kings saranno di nuovo in sella a questa nuova avventura derivante da The Good Wife, si può ritenere che l’altro loro progetto, Brain Dead, andato in onda quest’estate, non avrà una nuova stagione.

Come già noto, lo spinoff , che non ha ancora un nome, verrà ambientato ad un anno di distanza dalla scena che ha avuto protagoniste Diane e Alicia nel finale dello scorso maggio. Inoltre, nonostante non sia prevista Julianna Margulies come “guest star”, Michell Kings ha fatto recentemente capire che “potremmo nuovamente vedere la Good Wife”.

Sempre la Kings ha dichiarato che “sarà divertente costruire di nuovo l’Azienda” e ha detto che ci saranno probabilmente altri personaggi provenienti dalla serie “madre” oltre a Diane e Lucca. Lo scopo principale, comunque, resta quello di inserire personaggi nuovi e creare situazioni differenti .

Per ogni notizia e aggiornamento sul mondo dello spettacolo, cinema, tv e libri, vi consigliamo di seguire la nostra pagina Facebook

Fonte: TVLine

About Andrea Sartor

Cresciuto a pane (ok, anche qualche merendina tipo girella o tegolino... you know what I mean... ) e telefilm stupidi degli anni 80 e 90, il mondo gli cambia con Milch, Weiner, Gilligan, Moffat, Sorkin, Simon e Winter. Ha pianto davanti agli uffici dell'HBO. Sogno nel cassetto: pilotare un Viper biposto con Kara Starbuck Thrace e uscire con Number Six (una a caso, naturalmente). Nutre un profondo rispetto per i ragazzi e le ragazze che lavorano duramente per preparare gli impagabili sottotitoli. Grazie ragazzi, siete splendidi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.