Home / News / Ellen Barkin parla di Animal Kingdom e del sessismo a Hollywood
Animal Kingdom

Ellen Barkin parla di Animal Kingdom e del sessismo a Hollywood

Venticinque anni fa, Ellen Barkin recitò in un film che evidenziava gli esempi più folli della misoginia della società sulle: Switch, una commedia scritta e diretta da Blake Edwards, che era probabilmente troppo intelligente per diventare un blockbuster. Il film era incentrato su un imprenditore di successo, donnaiolo e sessista che, ucciso da una delle sue amanti, come punizione si reincarnava in una bella donna (Barkin) e messo davanti alla prova di fare amicizia con almeno una persona del suo nuovo sesso. barkin swiftVanity Fair Hollywood, in un intervista con la Barkin, recentemente, ha domandato alla Barkin se la sua carriera sarebbe stata diversa se, pur con la stessa intelligenza e talento, fosse nata uomo.

La domanda ha stuzzicato la Barkin che ha risposto con estrema ferocia e fervore sui rapporti tra Hollywood e la sua carriera; nel 1993, un pezzo del New York Times su di lei si chiedeva, «È una persona difficile o è solo un’assoluta primadonna?” L’autore dell’articolo, Jan Hoffman, ha stabilito che la star femminile di Tender Mercies, The Big Easy, Sea of Love, e This Boy’s Life non era ascesa ai vertici di Hollywood come, per esempio, Julia Roberts o Geena Davis, perché “la donna ha un po ‘di problemi di comportamento”

Quindi, la Barkin pensa che avrebbe potuto avere una carriera diversa se fosse nata maschio, sesso in cui essere dei duri è un pregio e non un difetto?

“Tendo a non pensare a queste cose”, risponde la Barkin. Parla con calma, scegliendo le parole successive perché siano più incisive: “Avrei potuto fare una carriera migliore da donna, ma non l’ho fatto.”

E continua: “Sai, non voglio e non vorrò mai essere qualcosa che non sono. Io non posso passare la vita a guardarmi alle spalle. Questa cosa mi è stato detta da un brillante insegnante di recitazione, che è stato davvero un mio mentore “

Ellen-Barkin-Animal-Kingdom-serieLa Barkin è, tuttavia, consapevole della carenza di ruoli per attrici della sua esperienza, e dell’ipocrisia di Hollywood.

A 62 anni si riesce a mettere nella recitazione tutto ciò che si è imparato nel corso degli anni. Naturalmente si può fare di meglio (come attrice), ma se le parti che ti vengono offerte non ti consentono di esprimerlo, cosa si può fare? Se le battute che ti vengono offerte “Sai, cosa vuoi per cena, cara?” oppure “Non andare fuori così tardi”

Questo è uno dei motivi per cui la Barkin ha firmato per Animal Kingdom, il reboot di TNT del film poliziesco australiano del 2010, che ha fatto ottenere a Jacki Weaver una nomination all’Oscar e un posto nello starsystem di Hollywood. La Barkin interpreterà il personaggio di Weaver, Smurf, una deliziosamente oscura matriarca che mantiene i suoi figli criminali (Scott Speedman e Shawn Hatosy) pericolosamente vicino – c’è un vago sentore di incesto in questa casa sulla spiaggia. Il primo episodio, che è andata in onda il 7 giugno, ha visto la Barkin pavoneggiarsi per il suo quartiere in tacchi alti e canottiere strette, accarezzando la schiena di un figlio mentre lui stendeva due linee di cocaina su uno specchio del soggiorno ed immergersi nelle zone grigie delle relazioni parentali che sono più edipiche di Ozzie e Harriet.

Qui, ho avuto l’opportunità di testare veramente me stessa“, dice la Barkin parlando del progetto, visto anche che lei era titubante ad assumere una serie che ha richiesto di trasferirsi in California e sottoporsi a un programma di produzione estenuante. “La televisione è molto diversa da cinema e teatro. Ma è un po’ un reinventarmi. Vedo che ci sono molti lati della mia creatività che non avevo mai utilizzato. Non solo in termini di carattere, ma anche di tecnica di recitazione. Mi è stata data la possibilità di provare. Alla mia età è raro e io amo questo lavoro. “

Venticinque anni dopo gli inizi, la Barkin ha chiuso il cerchio in qualche modo, trovando un personaggio potente in un corpo di donna a cui è permesso di essere una donna a cuore.

About Andrea Sartor

Cresciuto a pane (ok, anche qualche merendina tipo girella o tegolino... you know what I mean... ) e telefilm stupidi degli anni 80 e 90, il mondo gli cambia con Milch, Weiner, Gilligan, Moffat, Sorkin, Simon e Winter. Ha pianto davanti agli uffici dell'HBO. Sogno nel cassetto: pilotare un Viper biposto con Kara Starbuck Thrace e uscire con Number Six (una a caso, naturalmente). Nutre un profondo rispetto per i ragazzi e le ragazze che lavorano duramente per preparare gli impagabili sottotitoli. Grazie ragazzi, siete splendidi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.