Home / Amazon / Budding Prospect: anche Amazon si butta nelle “coltivazione”
budding prospect amazon

Budding Prospect: anche Amazon si butta nelle “coltivazione”

Con Budding Prospect, anche Amazon si inserisce nella produzione di serie TV che si concentrano su un tema molto “hot” in questo momento: gli show a tema marijuana. Lo fa con questo spettacolo ambientato negli anni 80 che avrà come regista Terry Zwigoff, già autore di Bad Santa, e con Will Sasso come uno dei protagonisti.

Budding Prospect

Scritto da Melissa Axelrod e basato sul romanzo di T.C. Boyle dallo stesso nome, la storia si svolgerà a San Francisco nel 1983. Tre ragazzi senza grandi aspettative decidono di lasciare la città per andare verso la campagna a coltivare marijuna.

budding prospect amazonLe loro aspettative di un esperienza campestre che diventi un avventura in un ambiente rustico si scontrano con la dura realtà. Infatti quando, arrivati al “Summer Camp”, si trovano con una baracca fatiscente in mezzo al nulla, infestata dai topi, serpenti, zanzare, con condizioni ostili alla coltivazione, vicini rumorosi, abitanti locali pericolosi e minacciose forze dell’ordine.

Will Sasso sarà uno dei tre protagonisti, un ragazzo grande e grosso, indisciplinato, ma più intelligente di quanto non sembri.

Zwigoff e Axelrod saranno i produttori esecutivi, mentre Vincent Landay. Joanna Colbert saranno coproduttori della serie.

Il tema marijuana

Questo tema, come dicevamo all’inizio, sta diventando una tendenza per la tv americana. Infatti, sono in produzione o in sviluppo diverse serie che avranno questo come focus. La HBO con High Maintenance, Netflix con l’imminente comedy di Chuck Lorre con Kathy Bates, Disjointed, e MTV con Mary + Jane (che vince il premio per il titolo meno fantasioso).

Lo sviluppo di nuovi pilot per Amazon comprende, oltre a Budding Prospect, anche I love DickJean-Claude Van Johnson, The Tick, The Legend of Master Legend.

Per ogni notizia e aggiornamento sul mondo dello spettacolo, cinema, tv e libri, vi consigliamo di seguire la nostra pagina Facebook

Fonte: DeadLine

About Andrea Sartor

Cresciuto a pane (ok, anche qualche merendina tipo girella o tegolino... you know what I mean... ) e telefilm stupidi degli anni 80 e 90, il mondo gli cambia con Milch, Weiner, Gilligan, Moffat, Sorkin, Simon e Winter. Ha pianto davanti agli uffici dell'HBO. Sogno nel cassetto: pilotare un Viper biposto con Kara Starbuck Thrace e uscire con Number Six (una a caso, naturalmente). Nutre un profondo rispetto per i ragazzi e le ragazze che lavorano duramente per preparare gli impagabili sottotitoli. Grazie ragazzi, siete splendidi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *