Home / News / News Serie TV / Dai Libri alla TV / Who Fears Death: una serie sci-fi per HBO con (forse) George R.R. Martin

Who Fears Death: una serie sci-fi per HBO con (forse) George R.R. Martin

HBO porterà in televisione il romanzo fantascentifico Who Fears Death per trasformarlo in una serie, con la possibilità di avere George R. R. Martin che collaborerà alla produzione. Questo almeno quanto dichiarato dall’autrice del libro, Nnedi Okorafor.

La Okorafor ha tweetato questa notizia ma HBO non ha ancora confermato, e rumors affermano che gli accordi non siano ancora chiusi.

Who Fears Death

who fears deathWho Fears Death, pubblicato nel 2010 da DAW, una casa editrice del gruppo Penguin Book, è ambientato in una futura versione post-apocalittica del Sudan, dove i Nuru di colore più chiaro opprimono gli Okeke di pelle più scura. Il protagonista, Onyesonwu (Igbo per Who Fears Death) è una Ewu, figlia di una donna Okeke violentata da un uomo Nuru. Al raggiungimento della maturità, cercherà di compiere l’impresa di sconfiggere il padre Daib, utilizzando i suoi poteri magici.

Il libro ha ricevuto il premio World Fantasy 2011 per il miglior romanzo e il Carl Brandon Kindred Award nel 2010, per un eccezionale lavoro di fiction speculativa che si occupa di razza e etnie. La Okorafor dopo aver pubblicato Who Fears Death ha scritto un prequel, The Book of Phoenix, pubblicato da DAW nel 2015.

Trovandosi Game of Thrones nel suo arco conclusivo, con la penultima stagione che andrà in onda da questa domenica e la prossima prevista per il prossimo anno, Martin, autore della saga di A Song of Ice and Fire, sarà coinvolto nei già pianificati spinoff di Game of Thrones, attualmente in fase di sviluppo per HBO, mentre Nightflyers, un thriller soprannaturale basato su un racconto di Martin e sul film del 1987, ha ricevuto un ordine per il pilot da Syfy.

Per ogni notizia e aggiornamento sul mondo dello spettacolo, cinema, tv e libri, vi consigliamo di seguire la nostra pagina Facebook

Fonte: Deadline

About Andrea Sartor

Cresciuto a pane (ok, anche qualche merendina tipo girella o tegolino... you know what I mean... ) e telefilm stupidi degli anni 80 e 90, il mondo gli cambia con Milch, Weiner, Gilligan, Moffat, Sorkin, Simon e Winter. Ha pianto davanti agli uffici dell'HBO. Sogno nel cassetto: pilotare un Viper biposto con Kara Starbuck Thrace e uscire con Number Six (una a caso, naturalmente). Nutre un profondo rispetto per i ragazzi e le ragazze che lavorano duramente per preparare gli impagabili sottotitoli. Grazie ragazzi, siete splendidi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *