Home / Netflix / Santa Clarita Diet: curiosità dal set, perché una zombie comedy e altro
Santa Clarita Diet

Santa Clarita Diet: curiosità dal set, perché una zombie comedy e altro

Avete tenuto segreta la parte ‘zombie’ per parecchio, perché rivelarlo prima del primo episodio di Santa Clarita Diet?

Ho sempre pensato che dovessimo tenere il segreto il più a lungo possibile, perché quando è uscita la prima sinossi, la gente leggeva senza sapere realmente cosa stava per succedere, ed è stato divertente. drew barrymoreCosì, quando abbiamo comunicato le prime cose alla stampa, abbiamo detto solo che Santa Clarita Diet parlava di una famiglia che viveva una vita ordinaria, fino a che un dramma non l’avrebbe fatta deragliare portandola su una strada di omicidi e caos, ma in senso buono. lasciando intendere che si trattava di una commedia.

Poi, quando abbiamo iniziato a commercializzare lo spettacolo, abbiamo ritenuto che la premessa centrale sarebbe venuta allo scoperto in qualche modo, è quasi impossibile tenere un così grande segreto su un nuovo show. Appena avessimo accennato qualcosa, la gente avrebbe saputo. Ci sono già abbastanza persone in città che sanno, che hanno letto la sceneggiatura e ci hanno lavorato. Quindi, se si sta per uscire, qual è il modo migliore per commercializzare lo spettacolo per ottenere l’interesse pubblico? Vendere uno show con Drew e Tim, agenti immobiliari di periferia e poi inserire questo enorme turn narrativo, potrebbe essere stato controproducente, quindi, abbiamo pensato che si sono abbastanza sorprese lungo la strada e la parte zombie veniva fuori subito, quindi mi sentivo tranquillo nel credere che il pubblico avrebbe accolto quello che sarebbe venuto dopo, mentre il loro mondo scivola sempre più lontano.

È il vostro pubblico qualcuno che è totalmente inconsapevole di mettersi a guardare uno show con gli zombie?

Sì, io non so se ci siano delle persone che non lo sapessero, perché Netflix ha commercializzato lo spettacolo veramente bene. santa clarita dietMa sarebbe stato interessante osservare qualcuno che lo guardava senza sapere cosa sarebbe accaduto. Penso che se si sa, però, può essere ancora una corsa divertente, perché il modo in cui la storia si sviluppa è folle. A me sembra estremamente realistico, cioè, voglio dire, se fosse successo a mia moglie, vorrei capire perché, come, è curabile e come lo gestiamo, Compriamo un congelatore la carne? Tutte queste domande reali sono la parte divertente dello show.

Com’è stato accostarsi al genere da un punto comico di vista?

Ho fatto solo comedy in tutta la mia carriera. Non ho mai lavorato al di fuori di questo genere, quindi sapevo che sarebbe stato comico. Non ho mai lavorato nell’horror. Non so se saremmo nemmeno considerabili horror, non è uno spaventoso horror, è raccapricciante. Ma per me, è stato sempre guidato dai personaggi e dalla storia. Non ho mai pensato a come fare a fondere commedia e horror, ho sempre pensato a Santa Clarita Diet come una commedia che un grande sconvolgimento.

Come avete fatto ad avere Drew Barrymore come protagonista?

Beh, siamo riusciti a farle leggere la sceneggiatura, e questa era la parte ostica, ma a lei è piaciuta. Dopo aver scritto lo spettacolo, abbiamo buttato giù una lista di chi avremmo voluto come protagonisti e Drew era in cima a quella lista. Volevamo qualcuno che sapeva essere accattivante e adorabile ma duro e forte, una persona per la quale si sarebbe continuato a fare il tifo. Drew ha tutte queste qualità e le porta sullo schermo. Non era, naturalmente, alla ricerca di fare televisione, ma ci siamo seduti e lei era molto entusiasta. Ha davvero capito la fisicità del ruolo e quello che sarebbe successo nella sua metamorfosi. La protagonista comincia come una dolce agente immobiliare nella Valley e finisce come una donna dura davvero cazzuta. E ‘stato un ruolo succoso per lei da interpretare, in più di un senso.

Infatti, ci sono un sacco di sangue e delle parti di corpo finte nelle sue scene.

Drew era solo un soldato. Ha affondato la testa e denti in un sacco di roba in un sacco di ambienti diversi, senza mai lamentarsi o essere disgustato. Forse era uno zombie in una vita passata. Era davvero in grado di farlo senza ripensamenti. La cosa più difficile che ricordo è quando lei era sdraiata in questa pozza di vomito, che non sembra difficile, ma era su un palco freddo e lei era in un liquido freddo e per ore stava in questa posizione davvero scomoda. Puzzava, per qualche motivo, come vomito vero, perché hanno usato la pasta deteriorata per farlo e la troupe, infatti, andava in giro con maschere. E lei, seduta lì in mezzo per ore, non si è mai lamentata.

Qui mi sono reso conto di quanto fosse fantastica. Qualunque cosa per ottenere un buon risultato, che è quello che lei vuole. Perché io vengo dalle comedy e non dal gore, ci sono stati momenti in cui eravamo sul set e quando vedi una parte di corpo che sembra mezza masticata che è illuminato in maniera scuro, il tuo cervello deve resettare perché devi ricordare a te stesso che non è vero. Siamo a Hollywood, ma accidenti, sembra proprio che lei morda un braccio vero.

Per ogni notizia e aggiornamento sul mondo dello spettacolo, cinema, tv e libri, vi consigliamo di seguire la nostra pagina Facebook

About Andrea Sartor

Cresciuto a pane (ok, anche qualche merendina tipo girella o tegolino... you know what I mean... ) e telefilm stupidi degli anni 80 e 90, il mondo gli cambia con Milch, Weiner, Gilligan, Moffat, Sorkin, Simon e Winter. Ha pianto davanti agli uffici dell'HBO. Sogno nel cassetto: pilotare un Viper biposto con Kara Starbuck Thrace e uscire con Number Six (una a caso, naturalmente). Nutre un profondo rispetto per i ragazzi e le ragazze che lavorano duramente per preparare gli impagabili sottotitoli. Grazie ragazzi, siete splendidi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *