Home / Netflix / The Punisher: recensione del pilot. L’antieroe che cambia la routine Marvel
the punisher

The Punisher: recensione del pilot. L’antieroe che cambia la routine Marvel

The Punisher era la serie Marvel che molti attendevano, proprio per l’esigenza di spezzare il monotono tran-tran degli altri show del gruppo dei Defenders e nel pilot sembra essere riuscito a iniziare qualcosa di diverso.

The Punisher, la trama

the punisherFrank Castle, dopo essere comparso come personaggio nella seconda stagione di Daredevil, completa la sua caccia ai responsabili materiali della morte della sua famiglia e, uccisi gli ultimi, si crea una finta identità e si ritira ad una vita di fatica, sofferenza e isolamento. Ma presto degli eventi imprevisti lo richiameranno in azione, scatenando la ferocia repressa che gli alberga ancora dentro.

The Punisher, il pilot, le nostre impressioni

L’avvio di The Punisher è una boccata di aria fresca per il binomio Marvel-Netflix, perché finalmente usciamo dalla solita e consueta routine nella quale erano state impostate quasi tutte le stagioni dei membri dei Defenders (pessimo team-up compreso), perché Frank Castle è un personaggio molto interessante di suo e soprattutto perché è diverso.

the punisherLa sua diversità predominante è proprio quella di agire fuori dagli schemi, dell’eroe che alla fine è buono e che deve vincere, ma con lui deve vincere il fair play, l’eroe che combatte ma non uccide, che rispetta le regole del gioco. Ecco, Frank Castle non è proprio niente di tutto questo, non ha problema ad uccidere i cattivi e non si pone problema a rompere a martellate la testa di uno che lo sta supplicando.

The Punisher è un anti-eroe, e non siamo certo qui a giudicare se faccia bene o male in quello che fa, ma siamo qui per dire che almeno vediamo una cosa che, pur aspettandocela, non è la fotocopia di qualcos’altro.

the punisher

L’avvio di questa serie, dopo i primi minuti che vogliono essere un apertura ad impatto forte, rallenta molto, perché in questo esordio si cerca di farci entrare nella testa del protagonista, un uomo che preferirebbe essere morto al momento, un uomo che continua a vivere in un loop nefasto, con le immagini della felicità perduta che lo svegliano ogni notte, un uomo che, come viene forse troppo didascalicamente spiegato in alcune scene, sta in fondo ad una buca e non solo non sa come uscirne ma non ne ha nessuna intenzione.

Spiegoni random a parte, questo tipo di introduzione è strutturato abbastanza bene, grazie all’utilizzo del flashback onirico, e grazie ad un Jon Bernthal molto in parte nell’inscenare quest’uomo tutto mugugni, e poi la serie improvvisamente accelera, non appena si palesano le svolte narrative e fuoriesce, nuovamente, tutta la violenza di The Punisher.

The Punisher - pilot

valutazione globale - 6.5

6.5

Una buona introduzione

User Rating: 3.23 ( 2 votes)

The Punisher, il pilot, un giudizio in sintesi

L’avvio, se gestito come introduzione, ha una buona struttura, resta da vedere, nei prossimi episodi, se la svolta narrativa ha impresso un ritmo diverso alla narrazione o, come altre volte succede nelle serie Marvel-Netflix, per colpa dell’elevato numero di episodi, si tende a concentrare una parte più movimentata sul finale mentre l’episodio in sé tende a essere maggiormente introspettivo.

the punisherSicuramente The Punisher merita introspezione, ma non può essere la caratteristica saliente dello show.

La costruzione dell’immagine ricorda molto quella apprezzata in Daredevil, soprattutto nella prima stagione, aggiungendo cupezza ad una trama più cattiva e riuscendo a farci percepire molto bene la dicotomia tra felicità e disperazione, tra sanità mentale e pazzia. Manca forse un po’ di cura nei personaggi secondari, seppur appena introdotti, che vanno resi però un po’ più tridimensionali, per far si che la figura del vigilante non si muova sola nel deserto.

Per ogni notizia e aggiornamento sul mondo dello spettacolo, cinema, tv e libri, vi consigliamo di seguire la nostra pagina Facebook

About Andrea Sartor

Cresciuto a pane (ok, anche qualche merendina tipo girella o tegolino... you know what I mean... ) e telefilm stupidi degli anni 80 e 90, il mondo gli cambia con Milch, Weiner, Gilligan, Moffat, Sorkin, Simon e Winter. Ha pianto davanti agli uffici dell'HBO. Sogno nel cassetto: pilotare un Viper biposto con Kara Starbuck Thrace e uscire con Number Six (una a caso, naturalmente). Nutre un profondo rispetto per i ragazzi e le ragazze che lavorano duramente per preparare gli impagabili sottotitoli. Grazie ragazzi, siete splendidi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *