Home / Festival del Cinema / Our soul at night: impressioni e commenti sul film di Redford e Fonda
Our Souls at Night

Our soul at night: impressioni e commenti sul film di Redford e Fonda

Our soul at night, la sinossi

Our Souls At NightOur soul at night racconta la storia di due persone anziane, diventate vedove, che dopo molto tempo trascorso in solitudine, provano a far nascere qualcosa tra di loro, almeno per farsi compagnia. Ma la situazione che si viene a creare è tipica delle “storie d’amore” in tarda età, che spesso socialmente non sono viste molto bene, soprattutto dalle famiglie che difficilmente capiscono la “necessità” delle persone di quell’età di sentirsi meno sole.

Our soul at night, le nostre impressioni

Our soul at night è un film gradevole, ma nulla di più. Lo percepiamo anche come un melanconico guardare indietro di due attori che vogliono rifare qualcosa insieme dopo tanto tempo e lo sguardo al passato è spesso quello dello spettatore che vuole ricordarsi tutta la carriera di questi grandi divi.

Our Souls At NightMa non è tempo buttato via, è un film che si può comodamente gustare sul divano di casa (infatti è parte del catalogo degli originali Netflix), con un ora e mezza fatta di risate, situazioni blandamente commoventi, morale ed etica un tanto al chilo, giusto per non scomodare nessuno. Il film affronta anche un argomento che potrebbe essere carico di molti significati, tanto nelle problematiche familiari, quanto nella gestione della solitudine e dell’amore nella “terza età”, ma lo fa sempre mantenendo una leggerezza e un grado di zuccherosità sempre persistenti, non andando mai a disturbare la versione pacata dello spettatore.

Redford e Fonda però continuano a dimostrare come il considearli grandi attori sia una cosa non solo rivolta al passato, ma sia comunque e sempre attuale. La loro bravura individuale è sempre elevatissima, ma quello che stupisce è la loro chimica e la fluidità del loro recitare insieme in scena, sembrano una coppia di lunga data, dimostrando una naturalezza impressionante.

Our soul at night

Valutazione globale - 6

6

Melanconico

User Rating: Be the first one !

Our soul at night, curiosità dalla conferenza stampa

La conferenza stampa di Our soul at night è stata un vero spettacolo, soprattutto per merito di una Jane Fonda che si riconferma come una vera diva, una di quelle da D maiuscola, come ce ne sono poche in giro. Si è rivelata mattatrice della mezzora di conferenza stampa, col suo gesticolare, il suo intervenire, il suo mettere in riga i compagni di conferenza, la sua spigliatezza e simpatia debordanti.jane fonda Redford invece è apparso molto più serio e forse anche un po’ troppo provato.

Se la prima, infatti, ha raccontato di amori, uomini, ha preso posizione fortemente su molti argomenti, ha rivelato che Redford, all’epoca di A piedi nudi nel parco, era una sua fantasia e tale è rimasta per molto tempo a seguire, l’altro invece si è soffermato più sul descrivere la propria vecchiaia come inaspettate rinunce e qualcosa che lo sta effettivamente mettendo a dura prova (e si è visto).

Insomma, se da giovane la Fonda si sognava Redford, ora mi sa che è Redford a sognarsi la Fonda.

Per ogni notizia e aggiornamento sul mondo dello spettacolo, cinema, tv e libri, vi consigliamo di seguire la nostra pagina Facebook

About Andrea Sartor

Cresciuto a pane (ok, anche qualche merendina tipo girella o tegolino... you know what I mean... ) e telefilm stupidi degli anni 80 e 90, il mondo gli cambia con Milch, Weiner, Gilligan, Moffat, Sorkin, Simon e Winter. Ha pianto davanti agli uffici dell'HBO. Sogno nel cassetto: pilotare un Viper biposto con Kara Starbuck Thrace e uscire con Number Six (una a caso, naturalmente). Nutre un profondo rispetto per i ragazzi e le ragazze che lavorano duramente per preparare gli impagabili sottotitoli. Grazie ragazzi, siete splendidi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *