Home / News / News Serie TV / Dai Libri alla TV / Oliver Twist: la NBC pensa ad una versione femminile e procedural
oliver twist

Oliver Twist: la NBC pensa ad una versione femminile e procedural

La NBC con questa idea un po’ balzana su Oliver Twist sembra un po’ arrivata alla frutta, o forse oltre.

Il classico di Charles Dickens infatti è stato ripensato dal canale broadcast americano come un crime procedural in versione femminile, secondo quanto riporta The Hollywood Reporter. Il progetto, provvisoriamente intitolato Twist, con un grande slancio di fantasia, viene descritto come “una versione contemporanea e sexy” incentrata su una donna ventenne di nome Twist, che collabora con un gruppo di emarginati con le qualità adatte a catturare ricchi criminali.

Le poche e strane idee dei network

oliver twistQuesto è solo l’ultimo caso, in ordine temporale, di “what the fuck”  reboot che i network generalisti stanno pensando di portare sul piccolo schermo. Non più di una decina di giorni fa, la Fox ha annunciato che stavano portando avanti un progetto che avrebbe visto Re Artù e Camelot trasformati in un police procedural. Twist comunque ha anche dei pezzi grossi che ci stanno lavorando, come l’importante produttore Koe Silver e la Lionsgate, mentre la NBC avrebbe già raggiunto l’accordo con Ciad Damiani e J.P. Lavin per scrivere il pilot.

Oliver Twist originale

L’Oliver Twist di Dickens tratta la storia di un orfano e delle sue miserie che ad un certo punto viene attirato in una gang di bambini borseggiatori. Con questo pretesto veniva descritta la miseria della Londra industriale e delle classi più deboli. Per il grande schermo Oliver Twist è stato riadattato diverse volte, tra cui quella del 1948 con Sir Alec Guinnes e quella del 1968 Oliver! vincitrice dell’Oscar come miglior film.

Mentre Charles Dickens si rivolta nella tomba, noi vi lasciamo a tristi riflessioni sulla tv generalista americana.

Fonte: Hollywood Reporter

Per ogni notizia e aggiornamento sul mondo dello spettacolo, cinema, tv e libri, vi consigliamo di seguire la nostra pagina Facebook

About Andrea Sartor

Cresciuto a pane (ok, anche qualche merendina tipo girella o tegolino... you know what I mean... ) e telefilm stupidi degli anni 80 e 90, il mondo gli cambia con Milch, Weiner, Gilligan, Moffat, Sorkin, Simon e Winter. Ha pianto davanti agli uffici dell'HBO. Sogno nel cassetto: pilotare un Viper biposto con Kara Starbuck Thrace e uscire con Number Six (una a caso, naturalmente). Nutre un profondo rispetto per i ragazzi e le ragazze che lavorano duramente per preparare gli impagabili sottotitoli. Grazie ragazzi, siete splendidi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *