Home / Amazon / Utopia: il remake americano si farà. Ora ci prova Amazon
utopia

Utopia: il remake americano si farà. Ora ci prova Amazon

Il remake americano di Utopia, scritto dall’autrice e sceneggiatrice di Gone Girl, Gillian Flynn, torna d’attualità. Stavolta è Amazon Studios a provarci, e lo fa dando un ordine di nove episodi, con la Flynn come creatrice, produttore esecutivo e showrunner. Sarà il primo progetto nell’ambito di un accordo televisivo globale che ha firmato con Amazon Studios.

La lunga storia di Utopia

Una versione americana della serie britannica Utopia, andata in onda nel biennio 2013-14, creata da Dennis Kelly e prodotta dagli studios di produzione Endemol Shine Group e Kudos, era già in lavorazione alla HBO nel 2015 con David Fincher e la Flynn.

utopiaFincher, che originariamente doveva curare la produzione e la regia, aveva fatto entrare nel progetto la Flynn, dopo aver lavorato con lei a Gone Girl,  basato sul libro della stessa autrice. La serie era in pre-produzione, e Fincher e la Flynn avevano provato ad assemblare un cast che comprendeva Rooney Mara, Colm Feore, Eric McCormack, Dallas Roberts e Jason Ritter, poco prima che la HBO chiudesse tutto, per via di un budget troppo elevato.

La HBO per un po’ aveva anche considerato di andare avanti con un’altro regista, ma dopo un po’ aveva dovuto alzare bandiera bianca. La Flynn ha comunque continuato a collaborare con il canale via cavo, infatti quest’estate arriverà sugli schermi il suo Sharp Objects, con Amy Adams, serie scritta dalla stessa Flynn con Marti Noxon, basata su un altro suo libro.

Leggete anche: la nostra recensione del primo episodio di Le Chalet, serie horror francese di Netflix

Ora è il turno di Amazon, che ha dato il via libera al progetto dopo lunghe conversazioni con la società britannica Endemol Shine e con la stessa Flynn. Semmai non aveste visto Utopia, l’originale britannico (fatelo, è una delle cose più belle degli ultimi anni), qui sotto potete trovare un trailer che ve ne fa gustare qualche dettaglio:

Per ogni notizia e aggiornamento sul mondo dello spettacolo, cinema, tv e libri, vi consigliamo di seguire la nostra pagina Facebook

About Andrea Sartor

Cresciuto a pane (ok, anche qualche merendina tipo girella o tegolino... you know what I mean... ) e telefilm stupidi degli anni 80 e 90, il mondo gli cambia con Milch, Weiner, Gilligan, Moffat, Sorkin, Simon e Winter. Ha pianto davanti agli uffici dell'HBO. Sogno nel cassetto: pilotare un Viper biposto con Kara Starbuck Thrace e uscire con Number Six (una a caso, naturalmente). Nutre un profondo rispetto per i ragazzi e le ragazze che lavorano duramente per preparare gli impagabili sottotitoli. Grazie ragazzi, siete splendidi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *