Home / Amazon / The Path: Hulu cancella la serie con Aaron Paul dopo la terza stagione
The Path

The Path: Hulu cancella la serie con Aaron Paul dopo la terza stagione

The Path è giunta al termine. Hulu ha scelto di non andare avanti con una quarta stagione della serie drammatica e quindi il finale della terza stagione, in onda in America il 28 marzo, sarà ora anche il finale della serie.

La cancellazione di The Path

“Mentre è triste che The Path sia finito, sono pieno di gratitudine e orgoglio”, ha detto in una dichiarazione la creatrice Jessica Goldberg. “È stato un dono poter raccontare storie stimolanti ed emozionanti per tre stagioni in questo mondo molto strano e unico. Il calibro del talento e della passione di tutti coloro che hanno lavorato a questo spettacolo, dai miei partner Jason Katims e Michelle Lee, i dirigenti di Hulu, gli scrittori, gli attori, i registi, i designer e la crew, sono stati ammirabili e per questo sono grata a tutti loro. Grazie anche a Hulu e alla Universal Television per aver preso parte a questo show, è stata un’esperienza che ci ha cambiato la vita. ”

La serie drammatica ha avuto come protagonisti Aaron Paul, Michelle Monaghan e Hugh Dancy, e ha raccontato la storia di una famiglia al centro di una setta controversa, e delle lotte per il potere così come le difficoltà a tenere in piedi le relazioni familiari. Ogni episodio è stato uno sguardo approfondito all’attrazione gravitazionale della fede e cosa significa scegliere tra la vita che viviamo e la vita che vogliamo.

Leggete anche: la nostra recensione del primo episodio di Le Chalet, serie horror francese di Netflix

La Goldberg è stata anche showrunner e produttore esecutivo per la terza stagione. Tra i produttori esecutivi c’erano anche Jason Katims e Michelle Lee.

La Goldberg ha ricevuto la commissione per un episodio pilota da NBC a febbraio per il dramma Suspicion, basato sul libro di Joseph Finder.

Per ogni notizia e aggiornamento sul mondo dello spettacolo, cinema, tv e libri, vi consigliamo di seguire la nostra pagina Facebook

About Andrea Sartor

Cresciuto a pane (ok, anche qualche merendina tipo girella o tegolino... you know what I mean... ) e telefilm stupidi degli anni 80 e 90, il mondo gli cambia con Milch, Weiner, Gilligan, Moffat, Sorkin, Simon e Winter. Ha pianto davanti agli uffici dell'HBO. Sogno nel cassetto: pilotare un Viper biposto con Kara Starbuck Thrace e uscire con Number Six (una a caso, naturalmente). Nutre un profondo rispetto per i ragazzi e le ragazze che lavorano duramente per preparare gli impagabili sottotitoli. Grazie ragazzi, siete splendidi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *