Home / Netflix / Ray Donovan: anticipazioni sul primo episodio della quinta stagione 

Ray Donovan: anticipazioni sul primo episodio della quinta stagione 

Ci sono alcune certezze che restano costanti quando si tratta dei personaggi che abitano l’universo di Ray Donovan, la serie creata da Ann Biderman nel 2013. Ray (Liev Schreiber) sarà depresso e stressatO a causa del suo passato. Mick (Jon Voigt) prepara nuovi progetti per il futuro. Terry (Eddie Marsan) entrerà in crisi a causa della sua salute e per problemi sentimentali. Bunchy (Dash Mihok) si dedicherà  alla ricerca di se stesso. Darryl (Pooch Hall) resta presente come supporto, lasciandosi raramente coinvolgere nell’azione.

ray donovan

Più le cose cambiano, più le cose restano uguali nel clan dei Donovan, e in qualche modo questa è la ragione per la quale – dopo cinque stagioni- la serie ha ancora successo. Nello stesso modo in cui i membri della famiglia si affezionano l’un l’altro, lo spettatore si affeziona alle loro dinamiche relazionali, interiorizzando certi tratti e comportamenti dei personaggi.

Si potrebbe dire che la prima puntata della quinta stagione – intitolata Abby – cavalchi ancora la scia di questa confortante familiarità: i vecchi personaggi si confrontano infatti a modo loro con nuove situazioni. Brunchy sta cercando di diventare un lottatore; Terry ha subito un intervento chirurgico sperimentale e rimette in questione il futuro matrimonio; Mick sta cercando di scrivere una sceneggiatura; Ray è, come sempre, stressato e represso. C’è addirittura una nuova ingenua, Natalie James (Lili Simmons), nonché un’altra nuova figura genitoriale per Ray, incarnata nel personaggio di Susan Sarandon. Sono tutte cose che ci aspettavamo, e che la prima puntata prontamente ci offre.

Alcune anticipazioni sul primo episodio di Ray Donovan

(+++SPOILER+++)

Ciò che invece sconvolgerà maggiormente le cose sarà la morte di Abby (Paula Malcomson).  Lo show cambia le carte in tavola proprio nel primo episodio, proponendo attraverso un grande salto temporale dei grandi cambiamenti che coinvolgono Bridget (Kerry Dorsey) e Conor (Devon Bragby) e lasciando lo spettatore con molte domande senza risposta. Questa prima e contorta ora s’ispira sicuramente alla recente tendenza delle serie a proporsi come un rompicapo per lo spettatore. Ormai, la serie in questione, giunta a questo punto, può permettersi di giocare con le conoscenze e le aspettative che lo spettatore ha nei confronti dei personaggi, calandoli in territori e in situazioni sconosciute. Certo, quest’individui, ormai vecchie conoscenze, hanno adesso a che fare con un mondo nuovo, un mondo senza Abby. Ed è questa a rappresentare la vera svolta nello show.

ray donovan

Il punto di forza della serie è l’abilità nel mostrare le storie individuali e personali. La vita da faccendiere di Ray è ricca di alti e bassi ma anche nei suoi momenti migliori la qualità e l’interesse di questi sono sempre secondari agli intrighi della famiglia Donovan. Non a caso, le relazioni di Ray con la sua famiglia sono sempre state il cuore pulsante della serie e la morte di Abby ne sarà un’ulteriore dimostrazione. (nel secondo episodio la linea temporale verrà ripristinata e potremo vedere l’intervallo di tempo che Abby e Ray trascorrono insieme:  anche se non c’è più, per fortuna Abby rimane nello show).

Ma torniamo alla storia: Abby è morta. Sin dal principio non è chiaro cosa sia successo:  il fatto sembra correlato all’incidente stradale durante il quale Natalie James costringe Ray ad andare fuori strada. Ma ciò che sorprende di questa sconvolgente morte è il rapporto di Ray e Abby in queste scene: infatti è così che avrebbe dovuto essere sin dal’inizio. Abby è infatti esilarante e allegra, è l’unica a poter realmente entrare in contatto con Ray:  il loro legame e l’amore reciproco si palesa in questa scene. Questa esplicitazione tardiva dei sentimenti rappresenta senza dubbio l’opportunità mancata del personaggio che potenzialmente avrebbe potuto condividere una relazione profonda con Ray.

Non si sa come evolverà la trama in questa stagione, quel che è certo è che perdere Abby – l’unica donna in questo clan di uomini – rappresenti un grosso colpo per la serie.  Senza Abby come ancora di salvataggio, la storia di Ray potrebbe assumere tonalità eccezionalmente fosche in questa stagione. Ray è infatti completamente impotente. Ciononostante, i momenti in cui Ray e Abby sono insieme sono leggeri e divertenti ; qualcosa che forse lo show avrebbe dovuto proporre anche in precedenza. Sfortunatamente, sembrerebbe che il personaggio di Abby abbia infine compiuto il suo dovere post mortem.

Per ogni notizia e aggiornamento sul mondo dello spettacolo, cinema, tv e libri, vi consigliamo di seguire la nostra pagina Facebook

Fonte: Collider

About Anna Mistrorigo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *