Home / News / News Cinema / Cine Special / Musicisti nei film: le migliori performance secondo IndieWire (parte 1)
musicisti nei film

Musicisti nei film: le migliori performance secondo IndieWire (parte 1)

Si sa che alla testata IndieWire piace interrogare i critici cinematografici. Questa volta, in occasione dell’uscita di A Star is Born di Bradley Cooper, il film con Lady Gaga e lo stesso Cooper, la testata ha voluto lanciare un sondaggio rivolto ai grandi critici cinematografici d’oltreoceano formulando la domanda seguente: qual è la migliore performance di  un musicista in un film?

Musicisti nei film: Carl Broughton (The Filmera) – Eminem, 8 Mile

musicisti nei filmLa migliore performance di un musicista in un film è un dibattito difficile, ma devo riconoscerla a Eminem in 8 Mile. Non posso nemmeno dire quante volte ho visto questo film nella mia vita. La recitazione di Eminem è più che convincente. Si dice che il film sia liberamente ispirato alla sua vita, ma onestamente sembra che segua la storia di come Eminem abbia raggiunto il successo. Penso che sia ciò che rende la sua performance memorabile. È raro che un musicista diventi grande come attore, e ancora più raro farlo al primo tentativo.

Musicisti nei film: Courtney Howard (Variety) – Dolly Parton, Dalle 9 alle 5… orario continuato

Dolly Parton ha portato il suo marchio di fabbrica, ovvero bellezza e femminismo infuocato nel suo ruolo di super segretaria Doralee Rhodes. Il suo calore, l’arguzia e la saggezza si irradiano attraverso momenti indelebili come i dialoghi con il capo bigotto (Dabney Coleman). La Parton è anche stata in vetta alle classifiche musicali grazie alla colonna sonora (che ha scritto per il film).

Musicisti nei film: Don Shanahan (Every Movie Has a Lesson) – Mark Wahlberg, Boogie Nights – L’altra Hollywood 

Era il 1997 e il film era Boogie Nights di Paul Thomas Anderson. Mark Wahlberg  interpreta Eddie Adams, un giovane prestante ma ancora inesperto che alla fine degli anni ‘70 si lancia nel mondo della pornografia.

La forza drammatica e la profondità del declino del personaggio (Dirk Diggler) mi impressionavano. Ventun anni dopo, Boogie Nights rimane una rivelazione stilistica e narrativa per Anderson e per l’intero ensemble Wahlberg. È la cosa migliore che Mark Wahlberg abbia mai fatto.

Musicisti nei film: Anne McCarthy (Bonjour Paris, Teen Vogue, Ms. Mag) – Ice Cube, Boyz in the Hood – Strade violente

Nel film del regista John Singleton, candidato all’Oscar nel 1991, Boyz in the Hood, Ice Cube supera se stesso. Se non avete  visto quel film, fatevi un favore, smettete di leggere e guardatelo. Il film, all’epoca rivoluzionario, racconta la vita di Tré (Cuba Gooding Jr.), un giovane cresciuto nei bassifondi di Los Angeles. Ice Cube – in quello che è stato il suo debutto nella recitazione – è una presenza importante nel film, e la sua interpretazione ha una gravità sconvolgente. In realtà, questo vale per l’intero cast, composto da: Laurence Fishburne, Regina King, Angela Bassett e Morris Chestnut. Cube interpreta l’amico di Tré “Doughboy” (aka Darren), che vive con sua madre e con il fratello Ricky (Castagna).

Musicisti nei film: Mike McGranaghan (The Aisle Seat / Screen Rant) – Ice Cube, Boyz in the Hoos – Strade violente

Molte volte i musicisti vengono ingaggiati per suonare o per esibirsi in ruoli musicali. Sono ancora più impressionato quando un musicista assume un ruolo che non ha assolutamente nulla a che fare con la musica. Con questo in mente, sceglierò la performance di Ice Cube in Boyz in the Hood, per la sua capacità di catturare la stanchezza di vivere in un quartiere in cui la violenza insensata è di routine. Anche se il personaggio possiede un atteggiamento “non scherzare con me”, possiamo dire che è un’anima fragile. Dough Boy si comporta da duro perché pensa che sia l’unico modo per sopravvivere. Cube rende tutto reale, quindi ci preoccupiamo del personaggio, anche quando partecipa allo stesso tipo di violenza che lo logora.

Musicisti nei film: Christopher Llewellyn Reed (Hammer to Nail, Film Festival Today) – Dooley Wilson, Casablanca

Ho sempre ammirato la performance di Dooley Wilson in Casablanca. Crescendo, ho imparato ad amare questo film senza riserve, soprattutto apprezzando il gaio cinismo amoroso del capo della polizia di Claude Rains Louis, ma è troppo un prodotto del suo tempo, in termini di atteggiamenti coloniali sulla razza e gli atteggiamenti tradizionali riguardo al genere per sopravvivere completamente incolume nel nostro secolo.

Wilson, nato nel 1886, era un batterista, un cantante e un direttore d’orchestra, prima di diventare un attore. Il suo ruolo riesce a portare al film una deliziosa umanità affaticata, scuote la testa quando gli viene chiesto, più e più volte, di suonare “As time goes by”, sapendo quale tristezza porta la canzone. È vero, è sottomesso al personaggio principale, ma in un certo senso è in linea con la tradizione britannica del servitore (si pensi al Samwise Gamgee di Tolkien nel Signore degli Anelli). Ma che voce!

About Anna Mistrorigo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *